x

x

Vai al contenuto

Riecco Speranza! Dove lo ritroveremo: il retroscena di Repubblica che rievoca vecchi fantasmi

Pubblicato il 29/02/2024 11:37

C’è un amore platonico e politico che lega Giuseppe Conte e Roberto Speranza. I due trovano sempre il modo per ritrovarsi. Nella buona (le poltrone) e nella cattiva sorte (le inchieste per il disastro combinato nell’era pandemica). Uniti più che mai, i due potrebbero mettere d’accordo, di nuovo, Pd e M5S sulle prossime elezioni in Basilicata, con l’ex ministro della Salute che sarebbe il candidato ideale capace di ripetere l’alleanza che ha dato buoni frutti in Sardegna. Le elezioni per il rinnovo della giunta regionale della Basilicata sono previste per il 21 e il 22 aprile. Ma il campo largo, a meno di due mesi dalle urne, è ancora tutto da costruire. Certo, la vittoria sarda dovrebbe facilitare tutto, ma con la sinistra nulla è scontato. C’è una trattativa che va avanti da mesi e sembra ferma a un braccio di ferro perpetuo. Per questo Speranza, in queste ultime ore, sembra il nome capace di risolvere tutto. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Burioni, è rivolta dei suoi studenti di Medicina. E lui: “Ecco perché l’ho fatto”

Da un lato il Pd aveva proposto in prima battuta Angelo Chiorazzo, imprenditore a capo di una rete di cooperative sociali che ha fondato un movimento, Basilicata casa comune. Dall’altro il Movimento 5Stelle che – a parte una minoranza interna – non ne vuol sentir parlare. “È stato indicato unilateralmente”, ha detto Giuseppe Conte. E così, dopo settimane di discussioni, Chiorazzo potrebbe sfilarsi dall’appoggio del Pd e proseguire da solo, lasciando liberi così i due partiti di trovare un altro candidato. Ed ecco qua che la sintesi si troverebbe proprio sul potentino Roberto Speranza, il “ministro della pandemia”. (Continua a leggere dopo la foto)

Speranza potrebbe essere il perno dell’alleanza giallorossa, vista “la cattiva sorte” condivisa con Giuseppe Conte nell’era Covid. Per ora lui nega e, come riporta Repubblica nel suo retroscena, ai suoi dice che ormai la sua vita, da quando l’amato Conte gli diede l’incarico di seguire la sanità nel suo secondo governo, si è ormai spostata a Roma, dove vivono la moglie e i figli. “Ma le pressioni ci sono e proprio per decidere se continuare a sostenere Chiorazzo o puntare sull’ex ministro o su altri ipotetici candidati, per sabato è stata convocata la direzione regionale del Pd”. In attesa di Speranza, il M5S propone una terna di nomi: Alberto Iannuzzi, presidente della Corte d’Appello di Potenza, Giambattista Bochicchio, manager della sanità, e Rocco Paternò, presidente dell’Ordine dei medici.

Ti potrebbe interessare anche: “Come per i vaccini”. Von der Leyen choc: la proposta che fa tremare l’Europa