x

x

Vai al contenuto

Anziano rimprovera 13enne maleducato, la reazione del ragazzino (e della sua famiglia) è folle: cosa è successo

Pubblicato il 10/10/2023 15:07 - Aggiornato il 12/10/2023 11:35
Palermo 13enne aggredisce 75enne

La violenza dilaga in Italia, soprattutto tra i più giovani. Mentre gli allarmi suonano da più parti, in primis dal mondo della scuola, le strade delle grandi città vengono invase da baby gang di ogni tipo. Oltre le bande, però, ci sono anche preoccupanti episodi singoli e isolati. Come l’ultimo che segnaliamo e che fa davvero male. Perché si tratta un 13enne che aggredisce un 75enne. Il ragazzino ha preso di mira un uomo di 75 anni lanciandogli contro piccoli oggetti raccattati per terra, mentre l’uomo se ne stava seduto su una panchina a Belmonte Mezzagno, nell’hinterland di Palermo. Cosa è successo subito dopo? (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Put***”. Meloni posta il VIDEO choc dei manifestanti della Cgil: botta e risposta con Landini
>>> Un incubo! I nuovi occhiali AI spaventano tutti. Ecco cosa fanno (inimmaginabile) e come “proteggersi”

L’anziano ha dunque rimproverato il ragazzino, cercando di fargli capire che quello che stava facendo era sbagliato. Per tutta risposta il 13enne ha reagito e ha aggredito l’uomo colpendolo violentemente con un pugno in faccia. Ma il peggio, forse, deve ancora venire. Perché poco dopo, stando alle ricostruzioni, sarebbero arrivati i familiari del ragazzo che invece di redarguire il figlio hanno continuato a picchiare l’uomo, finito a terra, con calci e pugni, provocandogli la frattura della mandibola e un trauma cranico. La vittima è stata portata in ospedale. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Rissa tra La Russa e Ranucci: “Vi querelo”. Il servizio di Report scatena un putiferio (VIDEO)

Palermo, 13enne aggredisce 75enne: l’uomo è in ospedale

La figlia dell’uomo, intervenuta in soccorso del genitore, ha riportato contusioni nello “scontro”. Sull’accaduto indagano i carabinieri. “Al momento non posso dire nulla – dice il sindaco Maurizio Milone ripreso da BlitzQuotidiano – perché ci sono indagini in corso. Il caso purtroppo è grave, molto serio, e ho fatto tutti i passi istituzionali necessari che il mio ruolo impone. Quanto ho visto mi ha addolorato e allarmato. Episodi del genere non sono accettabili. Nessuna tolleranza”. La famiglia della vittima ha presentato denuncia ai carabinieri.

Ti potrebbe interessare anche: “Chi c’è dietro l’attacco in Israele.” Clamorosa rivelazione. E l’Italia va in guerra (con la portaerei nucleare USA)