Vai al contenuto

“Frenai ma…” Mestre, spunta un terzo incidente di un bus elettrico. Il racconto dell’autista

Pubblicato il 16/10/2023 14:53 - Aggiornato il 16/10/2023 14:55

C’era stato un terzo incidente che aveva coinvolto un autobus elettrico Yutong della società La Linea di Venezia, lo stesso modello diventato tragicamente famoso in seguito all’incidente di Mestre dei giorni scorsi. Come rivelato dal Fatto Quotidiano, infatti, un altro mezzo della stessa azienda del pullman caduto da un cavalcavia nella città veneta era stato protagonista, il 16 giugno 2023, di un tamponamento a danno di un tir lungo la statale Romea. La notizia è stata diffusa soltanto in queste ore. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Commissioni con carta e bancomat, cambia tutto: quanto pagheremo nei prossimi mesi in base alla nostra banca

mestre incidente bus elettrico

In occasione di quell’incidente non c’erano stati, fortunatamente, feriti. L’autista aveva però affermato di aver registrato un problema al sistema di frenata assistita del mezzo, che invece di rallentare avrebbe avuto una sorta di accelerazione. Dagli accertamenti e dalle perizie, anche da parte delle assicurazioni, tuttavia, non sarebbe emerso alcun guasto ai freni. (Continua a leggere dopo la foto)

mestre incidente bus elettrico

Mestre, spunta un altro incidente di un bus elettrico

Nell’occasione, a rilevare l’incidente era stata la polizia locale. Alla fine del periodo, l’autista non aveva poi visto rinnovato il suo contratto a termine. Come spiegato dal Fatto, sono circa 300 gli autisti che giornalmente svolgono servizio sugli autobus de La Linea, la maggior impresa privata di trasporto nella regione Veneto. (Continua a leggere dopo la foto)

mestre incidente bus elettrico

Secondo l’azienda, prima dei recenti eventi il tasso di guasti o sinistri era “inferiore alla media del settore”. Nella caduta del bus dal cavalcavia dello scorso 3 ottobre erano morte 21 persone e altre 15 erano rimaste ferite.

Ti potrebbe interessare anche: Funzionerà come il Green pass. La sconcertante decisione dell’Europa che riguarda (quasi) tutti