Vai al contenuto

“Operato d’urgenza a Napoli”. Malore improvviso per Jerry Calà: le condizioni del popolare attore

Pubblicato il 18/03/2023 11:45 - Aggiornato il 18/03/2023 11:46

Un malore improvviso durante la notte, che ha spaventato i fan di Jerry Calà. Lo storico volto del piccolo e grande schermo italiano è stato infatti sottoposto a un delicato intervento chirurgico dopo che nella notte tra venerdì 17 e sabato 18 marzo le sue condizioni di salute si erano di colpo aggravate. L’attore, 71 anni, è stato operato in una clinica di Napoli, cittò nella quale si trova per girare un film, per uno stent coronarico. A rendere noto l’accaduto e fare chiarezza sulle condizioni di salute di Calà è stato il suo stesso ufficio stampa, che ha diramato un comunicato ufficiale. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Grave malore improvviso per Platinette: le condizioni dello storico volto della tv italiana

“Le sue condizioni sono buone e non come riportate falsamente su alcuni giornali” è il messaggio pubblicato sui social, attraverso i profili dell’attore. L’entourage di Calà si è detto fiducioso in un recupero veloce e il ritorno già nei prossimi giorni al lavoro sul set del film prodotto da Gianluca Varriale per VargoFilm e da aprile live con i suoi concerti. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo le prime ricostruzioni, Jerry Calà sarebbe stato colto da un malore durante la notte, mentre si trovava in un hotel sul lungomare di Napoli, per poi essere trasportato in ospedale dal 118 in codice rosso per un infarto e successivamente sottoposto a un intervento, definito tempestivo, per uno stent coronario. (Continua a leggere dopo la foto)

Calà si trovava a Napoli per le riprese del film intitolato “Hanno rapito Jerry Calà: il riscatto è un problema“, di cui l’attore è interprete e allo stesso tempo regista è regista. La pellicola è ambientata tra Napoli, Monte di Procida, Ischia e San Giovanni del Sannio in Molise.

Ti potrebbe interessare anche: “Poteva essere una strage”. Il pilota dell’Airbus colpito da malore improvviso: cosa è successo