Vai al contenuto

IT-Alert suona ma sbaglia, figuraccia per l’app installata di nascosto sui nostri telefoni. Cosa è successo

Pubblicato il 11/07/2023 18:47 - Aggiornato il 20/09/2023 12:36

Nuovi, e tragicomici, risvolti in merito all’angosciante e controversa applicazione IT-Alert. Puntualissimo, a mezzogiorno in punto di ieri, è partito un nuovo test. Ma nella regione sbagliata: se era previsto che la simulazione oggi dovesse coinvolgere i cittadini dell’Emilia-Romagna, in realtà un po’ in tutto il Veneto, da Rovigo a Venezia passando per Chioggia, è scattato l’avviso. È appena il caso di ricordare che il sistema di allarme, che nelle ultime settimane la Protezione Civile sta testando in diverse regioni italiane, è stato installato a nostra insaputa nei nostri telefoni smartphone. Essendo stato pensato per informare la popolazione italiana in caso di emergenze naturali, e non essendo prevista alcuna simulazione nella regione Veneto, non poco è stato il panico che ciò ha suscitato. Tanti i timori, dall’acqua alta a Venezia, che non sarebbe neppure una novità, sino a un episodio di terrorismo o di guerra. La realtà è molto più semplice, ma non meno preoccupante, se pensiamo ai potenziali disservizi di questa applicazione una volta che saranno terminati i test. Certo, Emilia-Romagna e Veneto confinano, ma di certo si tratta di una falsa partenza. E di una notevole figuraccia. Altresì, secondo quanto riferisce il sito Fanpage, anche in Lombardia più d’uno avrebbe ricevuto la segnalazione di pericolo. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “L’hanno messa di nascosto nei nostri smartphone”. IT-Alert, come trovarla e come disinstallarla (FOTO)

it-alert suona regione sbagliata

Il test

Una volta chiusa questa prima fase di test, nel 2024 IT-Alert diventerà operativo sul territorio nazionale e si attiverà – mediante una notifica accompagnata da un allarme sonoro e un messaggio scritto che invita a compilare un questionario (e la privacy?) – in sei casi di competenza del Servizio nazionale di protezione civile: maremoto (generato da un terremoto), collasso di una grande diga, attività vulcanica (per i vulcani Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano e Stromboli), incidenti nucleari o emergenze radiologiche, incidenti rilevanti in stabilimenti industriali. Ma, tecnicamente parlando, come è potuto succedere? (Continua a leggere dopo la foto)
>>> La Francia approva lo spionaggio di Stato, la controversa legge

it-alert suona regione sbagliata

Come è potuto succedere?

La Protezione Civile ha diramato delle comunicazioni sul fenomeno conosciuto come “overshooting”: ciò accadrebbe “quando le antenne da cui partono i pacchetti di dati che poi conducono alla notifica sono posizionate in luoghi sopraelevati o di confine”. La distanza coperta dall’overshooting, inoltre, può variare anche a seconda dell’operatore. Ancora: “Quando abbiamo fatto il test in Sardegna abbiamo allertato le autorità francesi perché le notifiche sono arrivate in Corsica”, mentre quando è stato il turno della Calabria, lo scorso venerdì 7 luglio, “qualcosa è arrivato anche in Puglia”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>>La “sfida” dell’ambulanza. Due influencer la chiamano e va in onda la vergogna. Finiscono denunciati (VIDEO)

it-alert suona regione sbagliata

Un utilizzo controverso

Il trattamento dei dati sensibili, la geolocalizzazione, il controllo dei contenuti digitali: sono tanti i rischi di questa sorta di autoritarismo tecnologico, cui si aggiunge, ora, quello di un panico diffuso ma ingiustificato i caso di analoghi errori del sistema.

Potrebbe interessarti anche: Approvato il trasferimento dei dati personali Ue – USA. E la privacy?