in

Il Guardian inchioda Oms e governo italiano. Le testimonianze esclusive

Riportiamo un articolo molto significativo pubblicato oggi, 11 dicembre, dal Guardian. Il giornale britannico riprende l’inchiesta di Report sul “mistero” del documento fatto sparire dall’Oms. Il titolo del pezzo è eloquente: “L’OMS è accusata di aver cospirato con l’Italia per rimuovere il pericoloso rapporto Covid. Esclusivo: documento inteso ad aiutare a prevenire morti future presumibilmente ritirato dal sito web su richiesta”. Si legge nell’articolo del Guardian: “L’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata accusata di aver cospirato con il ministero della Salute italiano per rimuovere un rapporto che rivelava la cattiva gestione del Paese all’inizio della pandemia di coronavirus – la cui pubblicazione aveva lo scopo di prevenire morti future”.

“L’Italia – si legge – è stato il primo paese europeo a essere travolto dalla pandemia. Il rapporto, prodotto dallo scienziato dell’OMS Francesco Zambon e da 10 colleghi in tutta Europa, è stato finanziato dal governo del Kuwait con l’obiettivo di fornire informazioni ai Paesi non ancora colpiti. Il documento è stato pubblicato sul sito web dell’OMS il 13 maggio prima di essere rimosso il giorno successivo, come riportato per la prima volta dal Guardian ad agosto. Il rapporto di 102 pagine afferma che il piano pandemico italiano non è stato aggiornato dal 2006 e che, a causa della mancanza di preparazione, la risposta iniziale degli ospedali è stata ‘improvvisata, caotica e creativa’. Ci è voluto del tempo prima che una guida formale diventasse disponibile, aggiungeva il rapporto”.

“Il documento sarebbe stato rimosso su richiesta di Ranieri Guerra, vicedirettore generale dell’Oms per le iniziative strategiche. Guerra è tra gli scienziati della task force Covid-19 del governo italiano. Il piano obsoleto è un elemento cruciale nelle indagini preliminari svolte dalla Procura di Bergamo – la provincia lombarda più colpita durante la prima ondata di pandemia – per possibile negligenza penale da parte delle autorità. Domenica i decessi correlati a Covid in Italia hanno superato i 60.000, il bilancio più alto dell’Europa continentale. Gli investigatori stanno anche utilizzando un rapporto compilato dopo la prima ondata da un generale dell’esercito in pensione, Pier Paolo Lunelli, che ha concluso che ben 10.000 morti potrebbero essere state attribuite alla mancanza di protocolli anti-pandemici sufficienti”.

“Zambon, che ha sede presso l’ufficio dell’OMS a Venezia, è stato convocato tre volte per parlare con i pubblici ministeri ma gli è stato impedito di farlo dall’OMS. Solo Guerra è stato ascoltato dai pubblici ministeri all’inizio di novembre ma i contenuti dell’udienza non sono stati divulgati. Dopo la prima convocazione a Zambon e agli altri ricercatori, l’OMS ha detto che i procuratori regionali dovevano seguire i canali diplomatici facendo la loro richiesta tramite il ministero degli Esteri italiano. L’ultima convocazione di Zambon è stata il 10 dicembre, ma ancora una volta gli è stato impedito di andare nonostante avesse chiesto il permesso”.

“Quando ho ricevuto la prima convocazione l’ho segnalato all’ufficio legale dell’OMS e subito dopo hanno risposto dicendo che non potevo andare perché ero protetto dall’immunità, nonostante il fatto che volevo andare perché avevo qualcosa da dire”, ha detto Zambon al Guardian. Zambon afferma che Guerra lo ha “minacciato di licenziamento a meno che non avesse modificato la parte del testo che si riferiva al piano obsoleto”. Ha affermato che, nonostante abbia “informato gli alti funzionari dell’OMS delle minacce e dei rischi posti alla trasparenza e alla neutralità dell’organizzazione, non è stata condotta alcuna inchiesta interna”. All’epoca, l’OMS non ha spiegato perché il rapporto è stato rimosso, ma ha affermato in una dichiarazione la scorsa settimana che “conteneva imprecisioni e incongruenze”.

“Il rapporto non ha criticato il governo italiano ma ha evidenziato le criticità affrontate nella gestione della pandemia, a partire dalla premessa del vecchio piano pandemico, che è stato solo ‘riconfermato’ e non aggiornato nel 2017”, ha detto Zambon. “Il team ha controllato a fondo questo aspetto e ha scoperto che tutti i piani che sono arrivati ​​dopo il 2006 erano stati semplicemente copiati e incollati – non una parola o una virgola è stata modificata nel testo.” Zambon afferma che un mese prima della pubblicazione aveva inviato una bozza dei risultati a Guerra, che l’ha condivisa con il ministro della Salute italiano, Roberto Speranza. Le e-mail inviate a maggio a Zambon da Guerra e Hans Kluge, direttore per l’Europa dell’OMS – che ha anche scritto l’introduzione del documento rimosso – sembrano riflettere anche un patto fatto con il ministero della Salute italiano per mantenere il rapporto segreto.

Le mail, viste dal Guardian, facevano parte di un recente documentario di Report, un programma investigativo della Rai. In una del 13 maggio, Guerra ha scritto: “Se anche l’OMS critica senza un accordo la sensibilità politica del ministro [della salute] … non credo che stiamo facendo un grande servizio al Paese”. Guerra poi dice a Zambon di “non dimenticare” che “ci hanno appena dato 10 milioni come contributo volontario sulla base della fiducia e come riconoscimento di ciò che abbiamo fatto finora… dopo sei anni senza niente”. Inizia l’e-mail di Kluge a Zambon del 15 maggio: “C’è una questione chiave: il mio rapporto con il ministro che era molto deluso”.

Kluge conclude l’e-mail dicendo che scriverà al ministro [Speranza] per istituire un gruppo di esperti tra l’OMS, il ministero della salute italiano e l’istituto di sanità superiore per rivedere il documento. “Il Kuwait è felice, ora abbiamo bisogno di MoH felice…”. Giovedì l’OMS ha dichiarato in una nota inviata via e-mail al Guardian: “Attualmente stiamo lavorando con il governo italiano per chiarire la questione”. Facendo riferimento al documento rimosso, la dichiarazione aggiungeva: “Mentre era offline, è stata presa la decisione di utilizzare invece un nuovo meccanismo creato nei primi mesi della pandemia volto ad aiutare gli Stati membri a valutare la loro risposta al Covid-19; seguire le migliori pratiche; prevenire errori; e aggiornare i piani strategici nazionali di preparazione e risposta. Il documento, quindi, non è stato ripubblicato”.

“Siamo consapevoli che l’emissione e la successiva rimozione del rapporto hanno causato confusione e abbiamo aggiornato le nostre procedure di pubblicazione di conseguenza”, concludevano. Il ministero della Salute italiano ha negato ogni coinvolgimento: “Per quanto ne sappiamo, questo non è un documento ufficiale dell’OMS e non è mai stato inviato al ministero della salute, che quindi non l’ha mai valutato o commentato. Qualsiasi informazione ad esso relativa non proviene da fonti istituzionali ”, si legge in una nota. Speranza ha recentemente affermato in un’intervista che l’OMS “dovrebbe essere riformato e rafforzato per aumentare la trasparenza”. A partire da giovedì sera, Guerra non aveva risposto a una richiesta di commento.

Se la Procura di Bergamo scopre che l’Italia non è riuscita ad aggiornare il suo piano pandemico, tutti i ministri della salute e i primi ministri dal 2013 rischiano di essere processati. Antonio Chiappani, procuratore capo, ha detto questa settimana al Corriere della Sera: “L’Italia era impreparata al Covid, c’è stata molta improvvisazione, dobbiamo scoprire perché ci sono così tante vittime rispetto ad altrove”. Zambon ha detto che le informazioni contenute nel suo rapporto avrebbero potuto aiutare a salvare vite nei paesi che erano dietro la curva della pandemia.

“Ho scritto disperatamente a tutti gli alti funzionari, compreso il direttore generale, avvertendo del pericolo [del blocco del rapporto]”, ha detto. “La sua pubblicazione aveva un potenziale salvavita ed era in gioco la responsabilità e la responsabilità dell’OMS, perché un conflitto di interessi personale era considerato più importante della condivisione delle lezioni apprese dal paese più colpito in quel momento”. Luigi Di Maio, ministro degli Esteri italiano, ha inviato questa settimana un segnale forte all’Oms quando si è detto “contrario alle immunità”. L’OMS ha affermato nella sua dichiarazione che Guerra aveva parlato con i pubblici ministeri “a titolo personale”.

La dichiarazione aggiungeva: “Il personale dell’OMS (e dell’ONU) sono funzionari internazionali che svolgono tutte le attività in modo imparziale e senza timore di ritorsioni o aspettative di favore. Per preservare la sua obiettività e indipendenza, l’OMS normalmente non si occupa di questioni legali a livello nazionale “. Zambon non ha ricevuto un rifiuto formale dall’OMS che gli impediva di parlare con i pubblici ministeri il 10 dicembre, ma è stato informato mercoledì sera che l’OMS aveva scritto al ministero degli Esteri italiano, dicendo: “Zambon e altri esperti dell’OMS sopra citati sono stati invitati a non presentarsi a queste udienze “.

Zambon si è detto pronto a collaborare con i pm, che finora hanno intervistato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e Speranza. Ha aggiunto che il riferimento al rapporto “pieno di inesattezze” era diffamatorio e che aveva attraversato tutte le fasi di controllo richieste. “Non si tratta delle conseguenze che potrei subire”, ha detto Zambon. “Lo faccio perché credo fermamente che il mondo abbia bisogno di un’OMS trasparente e indipendente, che alla fine si concentri sulle persone”.

Ti potrebbe interessare anche: Camionisti sul piede di guerra, pronto un dossier contro Conte: “Ascolti le nostre ragioni”

Camionisti sul piede di guerra, pronto un dossier contro Conte: “Ascolti le nostre ragioni”

Pescatori rapiti in Libia, i familiari si radunano sotto casa di Alfonso Bonafede