Vai al contenuto

Sanremo, Fedez & Co. nei guai. L’Agenzia per le Comunicazioni presenta il “conto” e ora son dolori

Pubblicato il 24/02/2023 09:26

Una delle edizioni più discusse del Festival di Sanremo è andato in archivio ormai da settimane, ma il codazzo di polemiche rischia di trascinarsi ancora a lungo. Sul piede di guerra c’è infatti l’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, che ha chiesto alla Rai di poter mettere gli occhi sui contratti stipulati in occasione della kermesse musicale più famosa d’Italia. Il motivo di questa pretesa? Fare chiarezza sulla pubblicità occulta, un tema che continua a tenere banco e che riguarda l’uso di Instagram (network che fa parte del gruppo Meta) sul palco dell’Ariston, con Chiara Ferragni che in primis ne avrebbe promosso l’utilizzo aprendo un profilo ad Amadeus sotto gli occhi di milioni di spettatori che in quel momento erano collegati con la manifestazione. In ogni puntata successiva, poi, era stato fatto qualche accenno al numero di follower in crescita per il conduttore, siparietti che secondo l’Agcom avrebbero offerto a Instragram ulteriore visibilità. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Fedez a Sanremo, insulti e il gesto clamoroso (e violento) conto il governo: “La Rai non sapeva” (VIDEO)
>>> “Non ti illudere”. La replica di Giordano a Fedez dopo le polemiche: una lezione di stile (IL POST)

Per l’Autorità i punti sarebbero due. O la Rai ha stipulato un contratto con Meta per consentire al social pubblicità, e in quel caso lo sponsor non sarebbe stato adeguatamente segnalato agli spettatori durante le puntate, oppure accordi del genere non sono mai esistiti e si potrebbe addirittura ipotizzare per la Rai il danno erariale per il mancato introito pubblicitario. I problemi, per la tv di Stato, non sono però finiti qui. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Una nave con la mia faccia”. L’ultima provocazione di Fedez contro Salvini e Meloni

fedez sanremo agcom

Fedez e i siparietti a Sanremo: ora si muove l’Agcom

Anche il siparietto tra Fedez e Rosa Chemical potrebbe infatti costare caro alla Rai. L’atto sessuale mimato tra i due artisti ha spinto infatti l’Agcom a sollevare il tema della difesa dei minori e della violazione delle norme a tutela. Con la tv pubblica che ha tentato di mettere una pezza non troppo efficace, ammettendo che una troupe di Banijay impegnata a seguire Chiara Ferragni per la serie The Ferragnez 2 ha avuto la possibilità di girare per il backstage di Sanremo senza un accordo commerciale a priori. (Continua a leggere dopo la foto)

L’Agcom sta dunque valutando la possibilità di aprire addirittura una doppia istruttoria su Sanremo, e attende ora una risposta ufficiale dalla Rai sulla richiesta dei contratti. Qualora dovessero essere resi pubblici, di sorprese ne vedremmo sicuramente delle belle. Più probabile che alla fine si cerchi di gettare acqua sul fuoco per convincere l’Autorità a non andare fino in fondo, onde evitare che gli italiani possano trovarsi tra le mani qualche (altra) sgradevole sorpresa che poco ha a che fare con la musica.

Ti potrebbe interessare anche: Maria Giovanna Maglie ritorna e asfalta Sanremo: “Ha stufato” (L’intervista)