in

Draghi: cala la sua fiducia tra gli italiani. Il sondaggio verità

Tutti si aspettavano il “cambio di passo”. Alcune cose sembrano aver iniziato a funzionare, ma la discontinuità con i disastri di Conte e Arcuri non si è vista. Il piano vaccinale non è decollato come avrebbe dovuto, i ristoranti non vedono ancora la luce in fondo al tunnel e l’Italia in generale sembra brancolare nel buio. Ed è per questo che dall’entusiasmo iniziale nei confronti di Draghi si è già passati a un calo costante e significativo della sua fiducia tra gli italiani. I dati raccolti da Alessandra Ghisleri per La Stampa rivelano che “la fiducia nel Presidente del Consiglio Mario Draghi in due mesi è passata dal 63,8% al 52,7% perdendo l’11.1% dei consensi. Le perdite più sostanziose appartengono all’elettorato della Lega di Matteo Salvini e del Movimento 5 Stelle”. (Continua a leggere dopo la foto)

Alessandra Ghisleri sottolinea che “di settimana in settimana, infatti, abbiamo registrato un calo lieve e costante del trend dell’indice di fiducia” in Draghi “che, anche nell’arco dell’ultima settimana, si traduce in un -1,4%. La stessa perdita si riscontra anche per l’intero esecutivo che, partendo dal 56,9% del 10 febbraio si ritrova ogni al 40,8% con un deficit del 16,1%”. Quello che era stato annunciato da tutti come “SuperMario”, oggi si ritrova a essere un presidente del consiglio in difficoltà con una gestione della pandemia sbagliata e una ripartenza tutta da vedere. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Caos vaccini, dal 2022 stop a AstraZeneca e J&J: solo Pfizer e Moderna per l’Italia

La discontinuità con il governo Conte richiesta al nuovo Esecutivo dalla maggioranza dei cittadini nei primi mesi dell’anno, “gli elettori faticano ancora oggi a leggerla in maniera chiara: il 51,6% del campione dichiara infatti di non rilevare differenze nell’attuale gestione rispetto alla precedente e, mentre il 21,1% riscontra una migliore amministrazione, il 19,8% nel confronto ne individua un peggioramento. Il Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi è arrivato a ricoprire il suo attuale ruolo sull’onda di un entusiasmo complessivo che lo identificava come una specie di figura mitologica”. E alla prova dei fatti? (Continua a leggere dopo la foto)

“L’uomo della provvidenza si sta scontrando oggi con la realtà di un Paese complicato e ricco di vincoli. Il giudizio generale degli italiani è ancora molto severo sull’operato. Come se non bastasse, l’appoggio al suo governo, convinto da parte del Partito Democratico e di Forza Italia, è invece molto più debole per la Lega e il Movimento 5 Stelle”. Anche sul lato dell’intero esecutivo le cose non vanno bene e l’indice di fiducia ha portato molti cambiamenti nell’ultimo mese nel ranking. Numeri tutti al ribasso.

Ti potrebbe interessare anche: Caos vaccini, dal 2022 stop a AstraZeneca e J&J: solo Pfizer e Moderna per l’Italia

Caos vaccini, dal 2022 stop a AstraZeneca e J&J: solo Pfizer e Moderna per l’Italia

Altro che revoca delle concessioni: i Benetton hanno un piano per non mollare Autostrade