Vai al contenuto

“Denunciati!”. Brindisi di ‘ZonaBianca’ e Bacco nei guai: la decisione degli autori del documentario “Invisibili”

Pubblicato il 22/05/2023 08:20 - Aggiornato il 22/05/2023 12:25
denuncia Brindisi Bacco ZonaBianca

Lo avevano promesso e lo hanno fatto. Alessandro Amori e di Paolo Cassina, rispettivamente produttore e regista del documentario “Invisibili – il documentario che tutti devono vedere“, tramite gli avvocati Roberto Martina e Antonietta Veneziano, hanno depositato una denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano e Civitavecchia nei confronti di Giuseppe Brindisi, conduttore del programma “ZonaBianca“, trasmessa dal canale Rete4 e di un suo ospite, Pasquale Bacco. Il documentario che ha avuto il merito di portare all’attenzione di tutti le storie di chi ha subito effetti avversi gravi in seguito al vaccino Covid e che è stato abbandonato dallo Stato continua a far discutere. La denuncia arriva per le affermazioni diffamatorie rilasciate dai due denunciati nel corso della puntata del 26 marzo 2023. Ma cosa è successo? (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Vino e alcol, arrivano le nuove regole Ue. Cosa troveremo al supermercato (tra le proteste dei produttori)
>>> “L’80% dei condizionatori è da cambiare”. Chi dovrà farlo e entro quando: il regolamento Ue

Spiega a ByoBlu l’avvocato Martina: “La professionalità dei denuncianti è nota e acclarata da decenni di comprovata esperienza professionale e ciononostante Brindisi e Bacco si sono prodotti in dichiarazioni attraverso le quali li hanno presentati al grande pubblico come autori di un documentario dai contenuti falsi su una tematica tanto delicata quale è quella delle reazioni avverse da vaccino anti-covid19″. Amori e Cassina, prima di arrivare alla denuncia, avevano anche chiesto alla redazione di “ZonaBianca” di poter rettificare ma non avendo ricevuto risposta, vista la portata lesiva dei contenuti diffamatori emersi nella trasmissione, hanno proseguito col depositare la denuncia. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Arriva la tassa Ue sull’eredità: come funzionerà (e perché Bruxelles vuole imporcela a tutti i costi)

ZonaBianca, denuncia a Brindisi e Bacco: parlano gli avvocati

La denuncia al conduttore di “ZonaBianca” Giuseppe Brindisi e all’ospite di quella puntata, Pasquale Bacco, “arriva per condotte diffamatorie che espongono produttore e regista al pubblico ludibrio ed al biasimo generale, con offese alla loro reputazione personale e professionale”, spiegano ancora gli avvocati. Si tratta di un atto con il quale si intende difendere e riaffermare la professionalità di Amori e Cassina ma non solo. Con la denuncia “si vuole difendere e tutelare la reputazione dei danneggiati che appaiono nel documentario e anche le migliaia e migliaia di danneggiati che per evidenti motivi non hanno trovato spazio all’interno del dibattito mediatico e che continuano a veder negate e minimizzate le loro patologie e rifiutata la loro correlazione con i vaccini” anti-covid19.

Ti potrebbe interessare anche: “La svolta storica!” Caso Orlandi, indagine riaperta. Il fratello: “Il Vaticano e la chiesa inglese…”