in

Coprifuoco posticipato, ma non per tutti. Le ultime novità

Il 17 maggio si sta avvicinando e aumentano i punti interrogativi su cosa e quanto cambierà. Per il momento fonti di governo giudicano i dati sull’epidemia “positivi” e “nella giusta direzione”, resta ancora da valutare, invece, l’ effetto scudetto Inter che si avvertirà su Milano e in generale sulla Lombardia. Salvo grossi colpi di scena e improvvisi peggioramenti, tra due settimane dovrebbero esserci nuove, parziali riaperture, ma non per tutti.(Continua dopo la foto)

Sicuramente tra i punti principali che verranno discussi e su cui l’esecutivo dovrà decidersi vi è quello dell’orario del coprifuoco. Secondo le indiscrezioni che vengono riferite da Affaritaliani, attualmente, l’ipotesi prevalente, tenendo in considerazione le forti pressioni da parte delle diverse categorie economiche e commerciali, è quella che” lunedì 17 maggio, limitatamente alle regioni che si troveranno in zona gialla, il coprifuoco verrà posticipato alle ore 23″.

Mentre sicuramente resterà alle 22 per chi sarà in fascia rossa. In dubbio invece quanto sarà stabilito per le zone arancioni. (Continua dopo la foto)

Oltre al coprifuoco, un altro punto importante, la prevista riapertura delle delle piscine e delle attività sportive al chiuso che rientrano nella zona gialla. Sempre in zona gialla verrà dato il “via libera alla possibilità di pranzare e cenare in ristoranti, pizzerie e locali al chiuso”. Dovrebbe esserci anche un allentamento per i negozi e per i centri commerciali, aperti nei weekend dal 17 maggio, con la possibilità di acquistare prodotti che oggi, invece, sono vietati il sabato e la domenica.

Costata tanto e già “pensionata”: l’app Immuni è l’ennesimo disastro di Arcuri e Speranza

Bramini: “Annullata la mia legge contro lo sfratto: ora 1 milione di italiani finirà in strada”