Vai al contenuto

Obama: “Impronte digitali contro le fake news”. Cosa prevede l’ultima follia della sinistra

Pubblicato il 20/06/2023 16:54

L’ex presidente Usa Barack Obama ha suggerito in una nuova intervista di adottare le “impronte digitali” per combattere la disinformazione e distinguere tra notizie vere e fuorvianti per i consumatori. Siamo all’ultimo grado della follia partorita dalla sinitra. Obama si è seduto con il suo ex consigliere senior della Casa Bianca David Axelrod per una conversazione sul podcast di quest’ultimo, “The Axe Files”, su CNN Audio, ripreso anche da FoxNews. “Come ho detto alla gente, poiché sono stato il primo presidente digitale quando ho lasciato l’incarico, sono stato probabilmente l’essere umano più registrato, filmato e fotografato della storia, il che è una cosa piuttosto strana”, ha detto Obama. L’ex presidente ha aggiunto che i deepfake – immagini, audio o video manipolati digitalmente che sembrano legittimi – sono iniziati con una versione di lui che ballava, “dicendo sporchi limerick” e simili tipi di attività. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Non servirà più il bancomat”. Ecco in quali banche e come funzionerà: “Intrappolati nella rete unica”
>>> “Ecco cosa faceva Obama”. Usa sotto choc: la pesantissima confessione. E spunta una vecchia lettera dell’ex presidente

“Quella tecnologia è qui ora”, ha continuato Barack Obama, che ha avvertito che la questione sta peggiorando andando avanti. “Quindi, più immediatamente avremo tutti i problemi che abbiamo avuto con la disinformazione prima, ma il prossimo ciclo elettorale sarà peggiore”. Ha poi suggerito “impronte digitali” per discernere la verità dalla disinformazione. “E la necessità per noi, per il grande pubblico, penso di essere consumatori più esigenti di notizie e informazioni, la necessità per noi di sviluppare nel tempo tecnologie per creare filigrane o impronte digitali in modo da sapere cosa è vero e cosa non lo è”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Oddio, è crollato!”. Paura per Biden: il VIDEO del presidente Usa che finisce a terra
>>> Diecimila nuovi assunti. Parte il mega concorso pubblico. Ecco i requisiti, i posti di lavoro e come candidarsi

Barack Obama e la proposta delle impronte digitali contro le fake news

Infine, Barack Obama ha aggiunto: “C’è un sacco di lavoro che dovrà essere fatto lì, ma a breve termine, spetterà davvero al popolo americano dirlo”. L’ex presidente Usa e Axelrod hanno continuato affermando che oggi molti consumatori visualizzano informazioni solo da fonti con cui sono predisposti a concordare e che probabilmente crederanno a ciò che vedono. “Ovviamente, l’abbiamo visto durante le vaccinazioni. Quindi, sono preoccupato per questo. E penso che il meglio che saremo in grado di fare è ricordare costantemente alle persone che questo è là fuori”.

Ti potrebbe interessare anche: “Dal Green pass al fisco digitale”. Cosa si nascondeva dietro la carta verde: “Europa, pronta la trappola”