in

“Avete l’agenda vuota e vi aggrappate al fantasma Draghi”, lo schiaffo in diretta di Pietro Senaldi alla sinistra

Pubblicato il 21/07/2022 21:42

Nonostante la caduta del governo c’è una parte della politica italiana che si aggrappa ancora al premier dimissionario Mario Draghi. Le forze politiche più vicine al centrosinistra, infatti, stanno pianificando una strategia per riportare l’ex banchiere centrale a Palazzo Chigi, ancora una volta.
(Continua a leggere dopo la foto)

L’agenda Draghi non esiste

Pietro Senaldi, direttore di Libero e ospite di Veronica Gentili su Rete4 ieri a Controcorrente, si è detto per nulla convinto di questa scelta: «L’agenda Draghi non esiste, l’agenda Draghi è uno slogan con cui i partiti che lo usano riempiono la loro agenda che è vuota. L’agenda Draghi è un facciamo i compiti a casa che ci dice l’Europa, questo è».
(Continua a leggere dopo la foto)

Lo schiaffo alla sinistra

Senaldi non le manda a dire ai partiti coinvolti, accusandoli di essere null’altro che un “contenitore vuoto”: «Ma i compiti a casa non sono un programma politico, sono una fase esecutiva, non progettuale e creativa, che è quello che si chiede ad uno schieramento. Il fatto che l’agenda Draghi non esista è provata dal fatto che l’agenda Draghi tiene insieme realtà diverse. Se esistesse questa agenda – conclude il proprio discorso il direttore di Libero – realtà diverse non potrebbero convergere su di essa».
(Continua a leggere dopo il tweet)

Il vuoto delle proposte politiche

Durissimo nel suo intervento, Pietro Senaldi solleva comunque una questione politica di non secondaria rilevanza, ovvero la programmazione ed i punti chiave che gli ex partiti di governo dovranno portare all’attenzione dei cittadini durante le prossime elezioni. Al netto dei soliti cavalli di battaglia triti, ritriti e mai realizzati da chi li ha proposti per intere decadi, l’agenda politica odierna sembra essere effettivamente un guscio vuoto, specchio della credibilità di chi, fino ad oggi, ha fatto il bello ed il cattivo tempo.

Potrebbe interessarti anche: “Djokovic deve giocare”. Parte la petizione internazionale per farlo partecipare agli US Open. Eccola

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Gas, cambia tutto. Il “regalino” di Putin all’Italia per la caduta di Draghi

Vogliono impedire a Italexit di partecipare alle elezioni. Ecco la trappola dei partiti