x

x

Vai al contenuto

“Antigelo al posto dell’alcol puro.” Allarme in Italia. Richiamate le bottiglie (contraffatte) di un noto marchio

Pubblicato il 14/12/2023 19:06 - Aggiornato il 14/12/2023 19:58

Non occorre illustrare i pesantissimi, potenzialmente esiziali, rischi per la salute qualora inavvertitamente si ingerisse del liquido antigelo dell’auto. Ecco perché, tra i tanti articoli che abbiamo scritto in passato in merito ai richiami dal commercio di prodotti dannosi per la salute umana, questo è uno dei più importanti: raccomandiamo la massima attenzione. Il Ministero della Salute ha emesso un avviso di sicurezza riguardante bottiglie di alcol puro contraffatte. In esse, oltre all’etanolo, nelle bottiglie contraffatte è stato rinvenuto del glicole etilenico, sostanza usata come antigelo per veicoli e nei fluidi refrigeranti impiegati nei sistemi di raffreddamento industriali. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “L’Italia non ci sta”. Meloni, colpo di scena. Incontra nella notte Macron e Scholz e detta le condizioni

antigelo al posto alcol puro

A cosa prestare attenzione

Stiamo parlando delle bottiglie da 1 litro, facilmente reperibili in ogni supermercato, con l’etichetta “96° Alcool dal 1960-Fiume” e il contrassegno di Stato per prodotti alcolici: entrambi contraffatti. Peraltro, in questo periodo natalizio, e ciò ci restituisce la gravità del fatto, l’alcol puro è adoperato nella preparazione di dolci o liquori artigianali, si pensi al classico Limoncello con cui in molti concludono il pasto. La scoperta risale ai giorni scorsi, allorché i carabinieri dei Nas di Lecce, hanno sequestrato a venditori ambulanti, e anche in diversi esercizi commerciali, decine di bottiglie contraffatte di alcol “Fiume”: dai successivi accertamenti analitici è emerso come contenessero anche la sostanza tossica. L’etichetta dell’azienda Licor Srl di Putignano, situata nella provincia di Bari e titolare del marchio Fiume, è stata riprodotta fedelmente, mentre i sigilli di autenticità dello Stato sono stati replicati “in modo grossolano su carta comune non filigranata, con due varianti di colore, una rosa e l’altra tortora”, come è stato comunicato da chi sta indagando, ovvero gli stessi NAS di Lecce e l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari. Un particolare, quello dei sigilli di autenticità , che non è sfuggito affatto agli investigatori. Le ipotesi di reato sono il commercio di sostanze alimentari nocive e la contraffazione. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “È stato il vaccino Covid, per questo vi racconto il mio tumore”. La testimonianza choc al Giornale d’Italia

antigelo al posto alcol puro

Glicole etilenico, dove lo troviamo

Il glicole etilenico, rinvenuto nelle bottiglie contraffatte, è una sostanza che, combinata con l’acido tereftalico, consente ottenere la materia plastica più diffusa, il polietilentereftalato o PET, usato ad esempio per le bottiglie delle bibite. Ma il glicole etilenico è utilizzato pure come liquido anticongelante, ad esempio nei circuiti di raffreddamento degli autoveicoli. Infine, apprendiamo dal portale Fanpage, viene anche usato, addirittura, nella fabbricazione di esplosivi.

Potrebbe interessarti anche: Ecco perché il MES è una trappola, Borgonovo intervista l’economista Guzzi (VIDEO)