Vai al contenuto

“Aiutateci, vi scongiuro, siamo stremati!”, C. racconta cosa sta succedendo ai professionisti come lei

Pubblicato il 18/12/2021 17:26

Onorevole Paragone, Non so se leggerà mai queste righe ma prima  di tutto voglio manifestarle tutta la mia profonda stima per quello che sta facendo in questo momento osceno che questo paese sta vivendo. 

Non mi sento più italiana, mi vergono di esserlo e che sulla mia carta di identità ci sia quella scritta le dico la verità. Ormai non è più vivibile questo mondo, questo paese. Non nomino nemmeno la parola governo e democrazia perché demos vuol dire popolo e qui di popolo non c’è più nulla, ci sono solo macerie.

Non vorrei pensare che a 32 anni la mia vita finisca in questo modo. Da domani sarò sospesa (sono un impiegata a scuola) precaria che dal 15 ottobre lavora a tempo pieno per lo Stato e ad oggi non ho visto un euro ma ho solo pagato il pizzo di 50 euro a settimana di tamponi per poter avere il lusso di lavorare e intanto pagare le tasse. Questo paese è marcio dentro. Ovviamente non mi soffermo sulle discriminazioni subite, commenti, sberleffi ecc sarebbe superfluo lei già sa come funziona per chi decide di poter decidere di avere un‘ opinione diversa. Non ce la facciamo più però, io ho passato quasi tutti i sabati a manifestare ed eravamo tanti (sono di Milano), ma un governo che ignora tutto questo malessere ma che governo è?

Vorrei farmi una famiglia, sono giovane ma con che spirito metto al mondo un figlio in questo mondo? Ci rinuncio, punto, perché non merita un futuro così. Da domani non avrò più nulla, nemmeno i soldi per comprarmi il cibo e dovrò chiedere aiuto ai miei genitori pensionati (ho sempre lavorato dopo la laurea e non ho mai chiesto aiuto a nessuno) ma ora non ce la faccio più. Ci aiuti la prego, la scongiuro, dateci voce perché la nostra non conta nulla più. 

Se vorrà pubblicare le mie parole lo faccia pure, le chiedo solo di non mettere il mio nome e cognome per intero dato che anche all’ interno della mia cerchia familiare la mia scelta è vista come scellerata e non vorrei deteriorare ancora di più i rapporti già precari, spero possa capire questa mia richiesta . 
Con tutta la mia stima