in

La contraffazione del Made in Italy ci fa perdere 32 miliardi l’anno. Ma pensano al “green”

Uno Stato serio prenderebbe il problema molto in considerazione, e lo prenderebbe di petto. Oltre a pensare al New green deal, alla transizione ecologica e a tutte quelle cose di cui si riempiono la bocca ma che hanno poca sostanza, quelli che sono al governo dovrebbero tenere a mente questo dato: 32 miliardi. È il valore della contraffazione del Made in Italy. 32 miliardi che bruciamo perché c’è chi liberamente spaccia dei prodotti di bassa e pessima qualità per Made in Italy. Laura Cavestri su Il Sole 24 Ore dà conto dei dati pubblicati in merito dall’Ocse: “Le rilevazioni Ocse su contraffazione e pirateria – secondo il focus dedicato proprio all’impatto sul Made in Italy – mostrano che il commercio mondiale di prodotti contraffatti che violano i marchi registrati italiani ha superato i 30 miliardi di euro (esattamente siamo a 32 miliardi )”. (Continua a leggere dopo la foto)

Questo valore è pari al 3,6% delle vendite totali del settore manifatturiero italiano tra nazionale e di esportazione. “Solo in termini di importazioni i prodotti contraffatti e piratati che entrano in Italia si aggirerebbero attorno ai 12,4 miliardi di euro. Rispetto al valore delle merci italiane contraffatte e scambiate nel mondo, il 16,7% è costituito dall’abbigliamento, il 15,4% dai prodotti elettronici e ottici, il 13% dall’alimentare. Senza contare che galoppa la farmaceutica. Solo da gennaio 2020 sono stati sequestrati quasi 100mlla farmaci illegali e clandestini. Ma chi acquista sa cosa compra?”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: “Ristori insufficienti, sono sul lastrico. Come si va avanti?”, la storia di Salvatore incatenato davanti al suo bar

Secondo l’Ocse, 6 prodotti contraffatti su 10 sono andati a consumatori consapevoli di acquistare prodotti fake. Scrive Cavestri: “La quota restante, invece, a chi credeva di acquistare originali e spesso, se il prodotto è ben contraffatto, potrebbe non accorgersi, neppure dopo l’acquisto, che il prodotto non è originale. I prodotti contraffatti e piratati che violano i DPI dei titolari italiani provengono, principalmente da Cina, Hong Kong e Turchia. Anche se l’Italia “vanta” anche una produzione “locale” di falsi”. Ma tutto questo che conseguenze ha per la nostra manifattura, le nostre filiere produttive e i posti di la-voro regolari? (Continua a leggere dopo la foto)

“Il costo pagato ingiustamente dai consumatori italiani nella convinzione di acquistare un prodotto autentico ammontava a quasi 8,3 miliardi di euro. Un danno per grossisti e dettaglianti italiani pari a quasi 8 miliardi di euro. Per le aziende “vittime” di violazione di marchi e brevetti , il danno ammonta, invece, a 24 miliardi di euro, e questo fa perdere 88mila posti di lavoro regolari solo in Italia. Infine, c’è l’erario. Tra minori introiti di Iva, Ires e contributi previdenziali, contraffazione e pirateria – si stima, sempre – si mangino, ogni anno, oltre 10 miliardi di euro che avrebbero potuto aiutare il Sistema sanitario nazionale e i sostegni alle imprese in questi duri tempi di pandemia”. Il governo che fa? Ci prova a salvare il Made in Italy o all’Europa potrebbe dispiacere?

Ti potrebbe interessare anche: “Ristori insufficienti, sono sul lastrico. Come si va avanti?”, la storia di Salvatore incatenato davanti al suo bar

Puoi comprare gli assorbenti solo se dimostri di avere il ciclo. Il lockdown dell’assurdo

I lavoratori invitano a vedere “Svegliati amore mio” e l’Arcelor Mittal li punisce