in

Stato di emergenza e Green pass, altri 3 mesi di soprusi. E Salvini muto

Pubblicato il 15/12/2021 09:14

Il governo terrà gli italiani in libertà vigilata per altri tre mesi. Il consiglio dei ministri ha infatti detto Sì alla proroga dello stato di emergenza. Dopo Conte, Draghi continua sulla stessa scia. La democrazia in Italia è di fatto sospesa da quasi 2 anni. La decisione prevede che la proroga duri fino al 31 marzo. Non solo: viene prorogato anche il Super Green Pass in zona bianca fino al 31 marzo. Finora, invece, la durata era prevista fino al 15 gennaio. Questo vuol dire che resteranno precluse ai non vaccinati attività come i ristoranti al chiuso, i cinema, le discoteche, gli stadi. (Continua a leggere dopo la foto)

Come riporta Repubblica, fino al 31 marzo 2022 sono prorogati anche i congedi parentali al 50% per i genitori con figli in quarantena causa Covid ed la possibilità di smart working per i lavoratori fragili. Infine Francesco Paolo Figliuolo è stato nominato alla guida del Comando operativo di vertice interforze (Covi), mantenendo però anche il ruolo – ormai tristemente noto – di commissario per l’emergenza Covid. (Continua a leggere dopo la foto)

L’allungamento dello stato di emergenza dovrà comunque passare poi per il voto dell’Aula, ma ieri si sono già detti favorevoli molti governatori ed esponenti dei partiti, da Enrico Letta a Giuseppe Conte, fino alla Lega di Salvini che accetta in silenzio questi altri 3 mesi di soprusi. Dagli strombazzamenti in piazza, all’avallamento dell’ennesima misura contro gli italiani. (Continua a leggere dopo la foto)

Il presidente della Camera, Roberto Fico ha detto “mi sento concorde”, e Andrea Mandelli, responsabile Salute di Forza Italia, al Tg1 ha detto: “I numeri parlano chiaro: la pandemia è ancora in corso e la campagna di vaccinazione non è conclusa. Per le prossime settimane servono ancora attenzione, cautela e rispetto delle regole”.

Ti potrebbe interessare anche: Paragone: “Ecco cosa abbiamo scoperto sulla propaganda Aifa del siero ai bambini”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Rifiuta il vaccino anti-Covid, sospeso il primario di medicina nucleare di Belluno

Manette, pistola, tesserino: le regole per umiliare (definitivamente) i poliziotti non vaccinati