in

“Sono illegittime”. Misure anti-Covid, il tribunale condanna il Belgio a rimuoverle

Fa subito il giro d’Europa la notizia che un tribunale di Bruxelles, ieri 31 marzo, ha condannato il governo belga per le misure eccezionali intraprese per contenere la pandemia. Il Belgio ora ha dunque trenta giorni di tempo per revocare le misure anti-Covid, oppure scatterà una multa da 5mila euro al giorno. La decisione – come riporta TPI – è stata presa dopo il ricorso della Ligue des droits humains (“Lega dei diritti umani”), un’organizzazione senza scopo di lucro attiva dal 1901. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo l’associazione, il Belgio ha adottato misure che violano le libertà fondamentali “in barba alle norme costituzionali e/o giuridiche”. Le tre leggi invocate dallo Stato per limitare le libertà dei belgi, sostiene la Lega dei diritti umani, non possono essere invocate come base legale per il decreto ministeriale che applica le misure, il quale “viola il principio di sussidiarietà del diritto penale, l’obbligo di consultare il Consiglio di Stato e il principio della certezza del diritto”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Nuovo decreto: gli italiani restano “in carcere”. Tutto chiuso fino a maggio

Scrive Anna Ditta che “il tribunale ha dato ragione all’associazione, ritenendo che l’ordinanza ministeriale del 28 ottobre 2020 e quelle successive non abbiano una valida base giuridica. Le ordinanze, disponevano la chiusura di varie attività, tra cui alberghi e ristoranti, la sospensione delle lezioni in presenza e limiti per le riunioni pubbliche o private”. La multa, secondo quanto hanno stabilito i giudici, non potrà superare a un massimo di 200mila euro “in considerazione delle complesse circostanze legate alla crisi sanitaria e senza metterle in discussione”. (Continua a leggere dopo la foto)

In ogni caso, il governo del Belgio, tramite la ministra dell’Interno Annelies Verlinden, ha già annunciato che farà ricorso contro il provvedimento. Ma quello che ora teme l’Europa è che iniziative analoghe a quella del Belgio vengano prese anche dagli altri Stati membri, creando ancora più confusione. Intanto il Regno Unito, dopo la Brexit vola ed è pronto a tornare alla normalità.

Ti potrebbe interessare anche: Nuovo decreto: gli italiani restano “in carcere”. Tutto chiuso fino a maggio

Recovery, l’allarme dell’esperto: “Dovremo restituire tutto, fino all’ultimo euro”

“Se mi togli mia mamma io non vivo più”, la battaglia di Fabrizio per i diritti dei disabili