in

Armi all’Ucraina: c’è chi dice no. Un Paese europeo si oppone al passaggio di equipaggiamenti sul suo territorio

Pubblicato il 07/03/2022 18:24

L’Ungheria ha emanato un decreto che vieta il trasferimento delle armi in Ucraina attraverso il territorio ungherese. Lo rende noto il Premier, Viktor Orban.
(Continua a leggere dopo la foto)

La presa di posizione

L’ordine arriva direttamente dal Premier ungherese tramite un video pubblicato su Twitter al termine della riunione odierna del Consiglio per la sicurezza nazionale, convocata per fare il punto sulla situazione. Orban ha anche annunciato un incontro dei premier dei Paesi del gruppo Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia) martedì a Londra.
(Continua a leggere dopo la foto)

Orban previdente sui rifugiati

«Il numero di rifugiati aumenterà. dobbiamo prepararci a prenderci cura di molte persone. Abbiamo preso decisioni che garantiscono una buona cooperazione tra le autorità e le organizzazioni della società civile. Abbiamo tenuto conto dei passi diplomatici dei giorni scorsi e saranno fatti ulteriori sforzi per ristabilire la pace.» Queste le parole del Primo Ministro ungherese durante il suo annuncio. Ecco il video dell’intervento tradotto da ANSA

La sorprendente diplomazia dei sovranisti

Sarà ironico, ma sembra proprio che le decisioni più conservatrici e diplomatiche, in queste ore di tensione, arrivino proprio da quel fronte sovranista che fino ad oggi è stato dipinto dai media come un vero e proprio “regime tirannico”. Che proprio Orban sia colui che, tra gli europei, segua con maggior fermezza la via della diplomazia, cercando di buttare acqua sul fuoco anziché litri di benzina, forse dovrebbe far riflettere i nostri belligeranti esponenti politici.

Potrebbe interessarti anche: “Lutto nazionale per l’informazione”. Il governo spegne centinaia di tv locali. Il loro appello

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Lutto nazionale per l’informazione”. Il Governo spegne centinaia di tv locali. Il loro appello

“Le nostre 4 condizioni per la pace”. La Russia mette sul tavolo la sua proposta