Vai al contenuto

“Tenete gli occhi aperti”. Tremonti avvisa il governo Meloni: cosa può succedere

Pubblicato il 02/10/2023 13:08 - Aggiornato il 14/11/2023 12:49

“Siamo alla fine di un ciclo e bisogna tenere gli occhi aperti”. Con queste parole l’ex ministro Giulio Tremonti ha commentato l’attuale situazione economica, con il governo Meloni sotto pressione anche a causa delle scelte dell’Unione Europea e degli altri stati membri. Intervistato da Marco Cremonesi per il Corriere della Sera, ha subito chiarito: “Nella maggioranza c’è chi parla di complotti, ma non ci sono complotti. C’è solo un grande debito. Tra l’altro, per certi versi la guerra ha prodotto effetti di stabilizzazione, dubito che una grande speculazione internazionale sia organizzata contro un Paese occidentale. Anzi, per quanto ne sono lo escluderei”. A detta di Tremonti, il problema non va centrato nello spread, quanto piuttosto “nel debito”. (Continua a leggere dopo la foto)
Tremonti massacra Draghi: “10 anni di follia finanziaria iniziati così”. Il durissimo attacco (VIDEO)
>>> “Conduzione grottesca!”. Tremonti è un fiume in piena, il duro attacco a Draghi

tremonti governo meloni

“La Prima Repubblica – ha ricostruito Tremonti – era in pareggio di bilancio fino agli anni Settanta. Poi il debito è salito, in principio per giuste ragioni. Ma tutto è degenerato, producendo una democrazia del deficit che è diventata deficit di democrazia. Segnando la fine della Prima Repubblica. Tra il ’93 e il ’94, è iniziata una lunghissima fase di riduzione del debito, fino quasi al 100%. Che ha incluso tutti i governi, compresi quelli di Silvio Berlusconi“. (Continua a leggere dopo la foto)

tremonti governo meloni

“Nel 2011 – ha spiegato ancora Tremonti – il debito è arrivato al 117% del prodotto. Non per gli aumenti della spesa pubblica, ma perché è venuto meno il Pil. Quella crisi non è stata superata, ma solo rinviata stampando moneta, finanziando con la Bce i debiti pubblici e andando contro le leggi di natura con i tassi sotto zero. Ha preso il via l’età felice dei Renzi, Letta, Gentiloni, che hanno governato senza porsi il problema”. (Continua a leggere dopo la foto)

tremonti governo meloni

La pandemia, in questo scenario, ha portato al crollo del Pil e un aumento della spesa pubblica. Il governo Meloni “è arrivato alla fine di un ciclo, bisogna tenere gli occhi aperti. C’è un’enorme ricchezza privata ma i prezzi si fanno dall’estero sui margini. E poi c’è l’incerto stato dell’Ue, perché il vecchio Patto di Stabilità è sospeso”. Governo tecnico? Non è la soluzione: “L’esecutivo Meloni viene dopo anni di finanza scriteriata e ha oggi grandi responsabilità. Ma sono convinto che, avendo una grande forza parlamentare, possa esprimere le politiche necessarie”.

Ti potrebbe interessare anche: “Mi hanno rubato la faccia!” La clamorosa denuncia di Tom Hanks. Cosa è successo al premio Oscar