Vai al contenuto

“Siamo arrivati tardi”. Un malore improvviso spezza un’altra giovane vita. Addio a Paolo di soli 31 anni

Pubblicato il 26/08/2022 19:30 - Aggiornato il 26/08/2022 19:32

Un malore improvviso mentre era da solo in sella alla sua bicicletta. Tanto è bastato per spezzare la vita di un giovane 31enne veronese. L’uomo, residente a Pressana, è deceduto in un fossato che costeggia la carreggiata stradale. Paolo Andreetto, questo il nome della vittima, è morto annegato in pochi centimetri d’acqua dopo essere caduto nel fossato e impossibilitato a muoversi.
(Continua a leggere dopo la foto)

L’assurda tragedia, che si consumata nel pomeriggio di mercoledì scorso. La scoperta, avvenuta solo per caso, è stata fatta da un passante che poi si è rivelato essere anche un amico della vittima. L’uomo ha notato la bici riversa e poi il corpo del trentunenne in acqua. Paolo purtroppo si è ritrovato da solo in un momento delicato e questo si è rivelato fatale perché nessuno ha potuto aiutarlo.
(Continua a leggere dopo la foto)

Purtroppo i successivi soccorsi medici del 118, accorso sul posto sia con l’ambulanza che con l’elicottero di soccorso, non hanno dato buon esito. I sanitari hanno provato a rianimarlo, pronti a trasportarlo in ospedale con l’elisoccorso, ma purtroppo ogni sforzo si è rivelato vano. Il 31enne è stato dichiarato morto sul posto.

Potrebbe interessarti anche: “Pronto il più grande attacco finanziario contro l’Italia”. L’avvertimento del Financial Times: “Preparatevi alla bufera”