in

“Da ottobre la bolletta elettrica aumenterà del 40%”. L’annuncio horror di Cingolani

Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani dà un annuncio che fa tremare le vene ai polsi degli italiani: “Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%. Il prossimo trimestre aumenterà del 40%”. Secondo il ministro “queste cose vanno dette”, e “l’incremento è dovuto all’aumento del gas a livello internazionale” visto che “aumenta anche il prezzo della CO2 prodotta”. In tutto questo, però, il governo resta a guardare. (Continua a leggere dopo la foto)

Mentre le famiglie e soprattutto le piccole imprese stanno faticosamente provando a rialzarsi dopo la tempesta, ecco l’ennesima batosta. L’Unione nazionale dei consumatori lancia l’allarme: “Un aumento di tale portata, se fosse davvero confermato, sarebbe letale per famiglie e imprese. Per una famiglia tipo sarebbe equivalente a 247 euro su base annua”, ha spiegato Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione nazionale consumatori. (Continua a leggere dopo la foto)

Marco Vignola ha aggiunto, commentando le parole di Cingolani: “Un rincaro così astronomico sarebbe un serio freno alla ripresa economica, innalzando i costi delle imprese e gravando pesantemente sulle tasche delle famiglie, con effetti deleteri sulla ripartenza dei consumi. Governo e il Parlamento devono comunque porre subito rimedio, decidendo di destinare i proventi delle aste di mercato dei permessi di emissione di CO2 all’abbassamento delle bollette, eliminando gli oneri di sistema oramai superati”. (Continua a leggere dopo la foto)

Una battaglia, questa, che il leader di ItalExit Paragone porta avanti da molto tempo. Chissà che sia la volta buona che Cingolani & Co. lo stiano a sentire. Alcuni degli oneri di sistema come quelli per la messa in sicurezza del nucleare o le agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario sono superati e da eliminare. Più i costi fissi in bolletta, un’altra follia. Intanto, però, per gli italiani è in arrivo la stangata.

Ti potrebbe interessare anche: Vaccini, i conti non tornano: le incongruenze dei rapporti Aifa

Anche quelli delle Ong ora dicono che la Lamorgese è un’incapace: la lettera alla ministra

Palermo, focolaio tra gli operatori del 118: 12 positivi, tutti vaccinati con doppia dose