in ,

Cronaca di un disastro annunciato. Nessuno vuole i prestiti fino a 25.000 euro

Emerge subito la totale inefficienza del provvedimento adottato dal governo per iniettare liquidità al Paese. Il decreto che era stato designato per aiutare le imprese è inutile, a dirlo sono direttamente i numeri degli imprenditori che vi fanno affidamento. 

Secondo quanto riporta l’Ansa, infatti, su una platea totale di 5.250.000 di attività, che abbraccia liberi professionisti, lavoratori autonomi, P.IVA e PMI, solo l’1% fino ad ora ha presentato domanda, ricorrendo alla misura. In tutto 45.700 richieste. E se volessimo essere larghi di manica e conteggiare anche le richieste ancora in fase di lavorazione, quindi quelle ‘bloccate’ dalle banche per richiesta di modifiche/integrazioni, comunque il numero di imprenditori che ricorre al prestito con garanzia dello Stato, rimarrebbe  bassissimo. Si raggiungerebbe solo il 5,6% per un totale di 250.000 aziende interessate al finanziamento. 

Sono oltre mille, inutili e con poche donne. Task force Covid-19, i numeri parlano chiaro

La povertà è tornata: “Ho venduto la fede per pagare il funerale di mio marito”. Storie di italiani alla deriva