in

Crollano due banche tedesche: la “febbre” che minaccia l’Europa e l’Italia

Pubblicato il 13/04/2022 13:17 - Aggiornato il 13/04/2022 13:57

Un crollo che ha sorpreso un po’ tutti, quello delle banche tedesche Deutsche Bank e Commerzbank. E stando alle prime analisi sarebbe il frutto delle scelte di un investitore anonimo, che avrebbe venduto pacchetti di azioni mandando in crisi due tra i più importanti istituti di credito della Germania. Secondo la Reuters, tra i responsabili potrebbe esserci Capital Group, società americana che da novembre dello scorso anno possiede il 5,20% di Deutsche Bank. Altra indiziata è Blackrock che invece ne possiede un 5,23%, secondo quanto riporta una rilevazione del 2020.

Come sottolineato dal Giornale, infatti, le stesse società possiedono più o meno le stesse quote, ovvero oltre il 5%, anche in Commerzbank, con il socio di maggioranza che comunque resta la Repubblica federale tedesca con il 15% delle azioni. Possibile anche che il crollo sia figlio delle azioni di uno dei soci minori spuntati negli ultimi anni.

Nella Deutsche Bank il 3,18% delle azioni, dal 2020, ad esempio è riconducibile a Douglas Braunstein (Hudson Executive Capital). In Commerzbank, ha un ruolo primario il fondo di investimento Wellington, con oltre il 3% delle azioni totali. Tanti, quindi, gli indiziati in un giallo che ha avuto inizio l’11 aprile, quando un anonimo ha venduto 116 milioni di azioni della Deutsche Bank e 72,5 milioni di titoli di Commerzbank. Si tratta di quote di capitale superiori al 5% per cento, per un’operazione dal valore di circa 1,75 miliardi di euro.

Gli esperti si interrogano sui prezzi dell’affare, visto che il venditore si sarebbe tolto le azioni a 10,68, ovvero con uno sconto dell’8% rispetto alla precedente chiusura di Borsa. A breve, comunque, la normativa imporrà a chi ha partecipazioni di comunicarlo, rendendo noto l’identità di chi ha scelto di mettere in difficoltà due istituti in cui i tedeschi hanno i loro risparmi nel bel mezzo di una guerra. La paura è che un’operazione del genere possa sottolineare un generale crollo di interesse verso le banche europee, italiane comprese. Anche perché le nostre Unicredit e Intesa Sanpaolo, per esempio, sono fortemente esposte in Russia.

Ti potrebbe interessare anche: Microplastiche trovate per la prima volta nei polmoni di esseri umani. Emerge un dubbio sconcertante

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Non siamo medici No Vax. Pretendiamo chiarezza”

«Non ci metterei mai piede». È lite furibonda tra Orsini e Vespa. Volano stracci