in

Whatsapp, Google, la nostra vita in vendita. I dati degli italiani sul mercato nero

Pubblicato il 14/07/2022 09:59

Pericolosi cyber criminali capaci di mettere le mani sui numeri dei nostri telefoni cellulari e sui nostri profili WhatsApp senza che noi riusciamo ad accorgercene per tempo. A lanciare un nuovo allarme in termini di sicurezza informatica è stato in queste ore il portale Red Hot Cyber (RHC), che si occupa di dispensare consigli agli utenti per evitare loro spiacevoli sorprese. E che ha analizzato nel dettaglio il nuovo pericolo al quale prestare la massima attenzione.

Il sito RHC si è lanciato in una simulazione virtuale che ha dato esiti davvero inquietanti: “Siamo partiti da un post sulla vendita di un milione di numeri WhatsApp delle FIlippine sul noto forum underground BreachForums nella giornata dell’11 di luglio, per poi comprendere che il problema è veramente enorme”.

I giornalisti della testata si sono addirittura imbattuti in una persona che voleva vendergli i numeri di telefono usati per i profili WhatsApp di 50 milioni di italiani. Gli esperti di RHC si sono finti potenziali acquirenti interessanti a comprare il set di dati o almeno una parte di esso, scoprendo che per un milione di numeri di telefono, senza il nome e cognome dell’intestatario, bisogna spendere 1.500 euro.

Non solo: di altri 20 milioni di account erano disponibili anche nome e cognome dell’intestatario. In questo caso, però, il prezzo lievitava e per acquistare in blocco tutti i profili disponibili era necessario pagare addirittura 500 mila euro. Secondo gli esperti, se il nostro numero di telefono viene venduto online il rischio che corriamo è che qualcuno lo usi insieme a migliaia di altri per fare phishing di massa, per mandare messaggi truffa ed entrare nel nostro conto in banca.

Ti potrebbe interessare anche: I tassisti assediano Palazzo Chigi. Risse con la polizia e lancio di fumogeni: “Non ci fermeremo”. (VIDEO)

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere”. Quando il lavoro diventa umiliazione. Le storie

I numeri sui morti sono taroccati. Covid e vaccino, ecco come speculano pure sui cadaveri