in

“Aveva ragione Montagnier”, l’articolo del Wall Street Journal sbugiarda i fanatici del Covid (il VIDEO)

Pubblicato il 05/01/2023 19:30 - Aggiornato il 05/01/2023 19:32

Anche il Wall Street Journal dubita dei vaccini? Se solo omettessimo la fonte, in molti tra gli oltranzisti del Covid-19 e tra i “professionisti dell’informazione” griderebbero alle solite teorie complottiste dei cosiddetti No Vax. E invece è addirittura il Wall Street Journal, punta di diamante della stampa mainstream internazionale, a chiedersi: Are vaccines fueling new Covid variant? (“i vaccini alimentano nuove varianti Covid?”). L’articolo è a cura di Allysia Finley, una delle firme più prestigiose del quotidiano newyorkese, membro del comitato editoriale del giornale. La Finley cita nell’editoriale una serie di articoli pubblicati su Nature, sul New England Journal of Medicine, nonché una ricerca condotta dalla Cleveland Clinic circa la possibile associazione tra più dosi di vaccino e un rischio maggiore di contrarre il virus. Sono pressoché le medesime argomentazioni da subito proposte da Luc Montagnier, il premio Nobel oggi scomparso, che venne vergognosamente insultato da più parti. Ricordiamo, per fare solo un nome, che il virostar Matteo Bassetti lo definì “rincogl*****o”. L’articolo del Wall Street Journal è del primo gennaio, mentre – come si è potuto ascoltare nel focus di Francesco Borgonovo e Fabio Duranti su RadioRadio – in Italia è ripartito il consueto allarmismo, di cui, francamente, non sentivamo la mancanza: oggi il Corriere della sera, ad esempio, scrive che “Si temono 1,7 milioni di morti in 4 mesi in Cina”, fermandosi solo alla proverbiale punta dell’iceberg. (Continua a leggere dopo il VIDEO)

Va molto più in profondità il quotidiano di Wall Street, citando uno studio condotto su un gruppo di sanitari, che ha dimostrato che, pur se i vaccini bivalenti hanno ridotto del 30% il rischio di infettarsi mentre la variante “BA 5” era più diffusa, i sanitari che hanno ricevuto tre o più dosi avevano più del triplo delle probabilità di infettarsi come i non vaccinati. Chi abbia ricevuto due dosi infine avrebbe 2,6 volte più probabilità di essere contagiati. Il fatto, poi, che la variante “XBB” sia nata a Singapore, conclude l’articolo di Allysia Finley, potrebbe non essere affatto casuale: si tratta di “una delle regioni più vaccinate al mondo”. (Continua a leggere dopo la foto)

Wall Street Journal dubita vaccini

Chissà come mai, ma il clamoroso articolo, così come lo studio che viene citato, è stato allegramente snobbato (censurato) dai principali organi di stampa.

Potrebbe interessarti anche: “Crosetto ha ragione, va sostenuto”. Anche a sinistra si arrendono all’evidenza: “L’Europa ci stritola”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Crosetto ha ragione, va sostenuto”. Anche a sinistra si arrendono all’evidenza: “L’Europa ci stritola”

“C’è il cadmio nel riso”. Ecco quale marchio viene richiamato dai supermercati, l’allerta del ministero