in

Vaccinazioni, nel Lazio il sito per prenotare è subito in tilt: code e attese infinite

Pubblicato il 01/02/2021 11:54

Tra il dire e il fare, recita un antico proverbio, pare esserci di mezzo addirittura il mare. Quello, vastissimo, che separa le buone intenzioni del governo della “digitalizzazione promessa” da una realtà ben diversa, piena di caos e confusione ogni volta che si tenta di portare avanti un’iniziativa virtuale. Era stata così per i 600 euro ai lavoratori autonomi e alle partite Iva, con code lunghissime e utenti inferociti. È stato così al momento del click day per il bonus bici. Stesso copione per il lancio del cashback. E ora, con le vaccinazioni, le cose non hanno preso una piega migliore, anzi.

Vaccinazioni, nel Lazio il sito per prenotare è subito in tilt: code e attese infinite

L’inizio della campagna di vaccinazione ha infatti scatenato la rabbia di chi, nel Lazio, ha provato a prenotarsi, con numeri risultati inattivi e che nemmeno squillavano. E così per gli over 80 che attendevano pazientemente una risposta non è rimasto altro da fare che riagganciare la cornetta e attendere tempi migliori. La protesta, nel frattempo, ha iniziato rapidamente a viaggiare attraverso i social, con migliaia di utenti a lamentare di aver messo inutilmente la sveglia all’alba, senza riuscire a cavare un ragno dal buco.

Vaccinazioni, nel Lazio il sito per prenotare è subito in tilt: code e attese infinite

La vera impresa è stata già riuscire a collegarsi al sito di Salute Lazio. Il tutto nonostante gli annunci: sito per le prenotazioni online attivo dal primo febbraio e per le persone in difficoltà disponibili anche il numero verde 800 118 800 (dove invece c’era un disco che chiedeva di riprovare successivamente. Il numero 06. 164161841, invece, era rimasto direttamente inattivo, nemmeno uno squillo.

Vaccinazioni, nel Lazio il sito per prenotare è subito in tilt: code e attese infinite

Il Tempo parla di “voci interne alla Regione che raccontano di una riunione andata per le lunghe, durante la quale sono stati evidenziati dei problemi per l’attivazione e il via alla campagna. Problemi, dicono le stesse fonti, che dovrebbero risolversi a breve”. Intanto, però, l’ennesima figuraccia è andata in scena. Mentre prosegue, incessante, il racconto di un’Italia pronta al grande salto verso la digitalizzazione.

Ti potrebbe interessare anche: Baci, sesso e bombole del gas. Da Cotticelli a Zuccatelli. Dalla padella alla brace

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Cosa stiamo aspettando a requisire i brevetti vaccinali?

L’Ue e Confindustra blindano Gualtieri: il ministro dell’Economia non si tocca