x

x

Vai al contenuto

“Vacanze a chi?!” Il vero volto dell’Italia, molto diverso da quello raccontato dai social

Pubblicato il 10/08/2023 10:40 - Aggiornato il 10/08/2023 11:59

Un bombardamento mediatico che inizia, con disarmante puntualità, sul finire di maggio per poi terminare soltanto a settembre inoltrato. Con foto, video, stories, post e chi più ne ha più ne metta, tutti accomunati dal medesimo intento di fondo: raccontare le proprie vacanze tra lusso, paesaggi mozzafiato e relax. Un immaginario alimentato dai social che non coincide affatto, però, con la realtà dell’Italia del 2023: come raccontato da un approfondimento de Linkiesta, il Bel Paese estivo raccontato dai media è infatti una rappresentazione ingannevole, visto che tante famiglie sono costrette a rinunciare alle fughe verso mete lontane, lontano dalla città e dallo stress. Il motivo? Innanzitutto economico, ovviamente, considerando anche i recenti rincari che hanno reso molto più dispendioso partire in cerca di un po’ di svago. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Sennò mi cacci…” Telese si arrabbia in diretta e scoppia il caso a In Onda (VIDEO)
>>> “L’Europa ferma l’Italia”. L’ennesima trappola dell’Ue, uno sfregio alle famiglie e ai consumatori

vacanze italia social

I numeri sono abbastanza impietosi: secondo le stime, soltanto il 35,7% degli italiani finirà per concedersi una vacanza durante l’estate 2023. Dato in parte condizionato dagli strascichi della pandemia, ma che conferma un trend in realtà già presente da tempo: nel 2019, ultimo anno prima del Covid, era partito soltanto il 37,8% degli abitanti dello Stivale. (Continua a leggere dopo la foto)

E ancora: guardando ancora più indietro nel tempo, ecco emergere un vero e proprio tracollo nel numero delle notti trascorse in ferie, a partire dalla crisi del 2008-2009. Nel 2008 erano quasi 570 milioni complessive, più di sei giorni l’anno per ogni italiano. Nel 2015 erano diventate 317 milioni. Anche in questo caso, il calo è stato costante e inesorabile. (Continua a leggere dopo la foto)

Una narrazione tutt’altro che in linea con quella dei social. Qui diventa obbligatorio raccontare (o almeno far credere) di essere sdraiati sotto un palma, in riva al mare di qualche incredibile e costosissima meta turistica. Pena il marchio dell’infamia virtuale, l’inevitabile sensazione di essere diventati degli esclusi. Gli influencer, con il loro bombardamento video, ci fanno credere che volare a Bali o Dubai sia ormai un’abitudine, come bere il caffè la mattina. Contribuendo alla costruzione dell’idea di un’Italia, ricca e spensierata, che in realtà semplicemente non esiste.

Ti potrebbe interessare anche: “L’Italia come l’Urss”. L’attacco choc del Ceo di Ryanair al governo (e arrivano anche le minacce)