x

x

Vai al contenuto

Tumori e Covid, i dati che fanno paura: “Cosa succede in Italia dopo la pandemia”

Pubblicato il 12/12/2023 13:38

Un vero e proprio boom di tumori, registrati nel periodo successivo alla pandemia di Covid. Con numeri che parlano chiaro: come spiegato da Libero Quotidiano, in Italia nel 2023 sono stimate 395.000 nuove diagnosi di tumore: 208.000 negli uomini e 187.000 nelle donne. Dalla fine della pandemia “si assiste a una ondata di casi, se si considera che, in tre anni, l’incremento è stato di 18.400 diagnosi (erano 376.600 nel 2020)”. Secondo il censimento ufficiale, giunto alla tredicesima edizione, che descrive gli aspetti relativi alla diagnosi e terapia delle neoplasie grazie al lavoro dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom), Airtum (Associazione Italiana Registri Tumori), Fondazione Aiom, Osservatorio Nazionale Screening (Ons), Passi (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia), Passi d’Argento e della Società Italiana di Anatomia Patologica e di Citologia Diagnostica (SIAPeC-IAP), raccolto nel volume I numeri del cancro in Italia 2023, il tumore più frequentemente diagnosticato nell’ultimo anno è il carcinoma della mammella (55.900 casi), seguito dal colon-retto (50.500), polmone (44.000), prostata (41.100) e vescica (29.700). (Continua a leggere dopo la foto)
Avete un Samsung? Ci sono brutte notizie per voi. Ecco chi scriverà le notizie che ricevete sullo smartphone

In previsione, nel giro di vent’anno il numero assoluto di nuove diagnosi oncologiche nel nostro Paese potrebbe aumentare in media, ogni anno, dell’1,3% negli uomini e dello 0,6% nelle donne. Dall’altro lato, l’oncologia del nostro Paese fa registrare importanti progressi: in 13 anni (2007-2019), sono state evitate 268.471 morti oncologiche. (Continua a leggere dopo la foto)

Ci sono aree in cui i passi avanti sono ancora limitati, a partire dai tumori causati dal fumo di sigaretta nelle donne e dal cancro del pancreas in entrambi i sessi, per il quale non si sono registrati miglioramenti nella diagnosi precoce e nelle terapie, e che, quindi, merita particolari attenzioni. Una situazione che rispecchia, in parte, l’aumentata incidenza riconducibile a fattori di rischio individuali quali il fumo di tabacco, il sovrappeso, l’obesità e il diabete per il cancro del pancreas e l’esposizione ai raggi solari per il melanoma. (Continua a leggere dopo la foto)

Tra le cause alla base di molte forme di tumore, una cattivo tenore di vita. Il 24% degli adulti fuma, il 29% è sedentario, il 33% è in sovrappeso e il 10% è obeso, il 17% consuma alcol in quantità a rischio per la salute. E, nel 2022, si assiste a livello nazionale a un calo del 3% della copertura degli screening mammografico (43%) e colorettale (27%), che nel 2021 erano tornati ai livelli prepandemici. Addirittura drastica la diminuzione al Nord, dove l’adesione alla mammografia è passata dal 63% nel 2021 al 54% nel 2022 e allo screening colorettale, in discesa dal 45% al 38 per cento.

Ti potrebbe interessare anche: “Giuletta? Maschilista!” Anche la famosa statua finisce nel mirino dei “politicamente corretti”: il caso