in

“Ti uccido”, “Prendimi la pistola”. Aggredita la troupe di inviati, i giornalisti finiscono al Pronto Soccorso (il Video)

Pubblicato il 24/01/2023 20:11

“Ti uccido”, “Prendimi la pistola”. Dapprima sono state queste, e altre, le minacce rivolte agli inviati di Fuori dal coro giunti a Castel Volturno, sul litorale casertano. I giornalisti sono stati, poi, aggrediti con calci e pugni mentre indagavano sui beni confiscati alla camorra, dunque trasportati al Pronto soccorso per accertamenti. Onnipresente nelle cronache dell’ultima settimana (mentre è rimasto “invisibile” per trent’anni) Matteo Messina Denaro, e il suo arresto, hanno ispirato l’inchiesta sui beni confiscati alla mafia, come alla camorra e alla ‘ndrangheta, della trasmissione di Rete Quattro. L’indagine giornalistica in onda stasera dimostrerà che molti di questi immobili, attraverso variegate scorciatoie, sono tornati in mano alla criminalità. Quel che è accaduto agli inviati di Mario Giordano dà il segno dell’impunità e del delirio di onnipotenza di chi segue solo la legge del più forte. Sull’account Twitter della trasmissione sono stati rilasciati solo alcuni istanti del servizio, che mostrano un uomo palesemente alterato che colpisce e minaccia gli inviati. (Continua a leggere dopo il VIDEO)
>>> L’arresto di Messina Denaro e le ombre legittime

“Cancella il video”, “Vammi a prendere la pistola”, “Non mi riprendere o ti uccido”, dice, prima di passare dalle parole ai fatti. A lanciare l’anteprima è stato Francesco Vecchi a Mattino 5 con un collegamento con Mario Giordano. Lo stesso conduttore si è lasciato andare ad amare considerazioni: “Siamo andati a vedere i beni confiscati dalla mafia negli ultimi trent’anni, 36mila, e uno su due – ha affermato – è inutilizzato e molti di questi sono tornati nelle mani della criminalità“. E dunque “Quando lo Stato vince bisogna essere contenti – ha spiegato, riferendosi a Messina Denaro – ma lo Stato deve vincere tutti i giorni”. (Continua a leggere dopo la foto)

troupe aggredita Fuori dal coro

La piaga riguarda l’Italia intera, come intende precisare il giornalista: “La stessa cosa succede a Guidonia, a Giuliano, in Piemonte dove una casa sequestrata alla ‘ndrangheta è stata riacquistata dallo stesso boss mafioso dopo che era stata abbandonata”.

Potrebbe interessarti anche: Il Doomsday Clock segna 90 secondi (metaforici) all’apocalisse (ilparagone.it)      

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“A novanta secondi a mezzanotte”. Arriva l’inquietante bollettino 2023 degli scienziati atomici (il VIDEO)

“Ha perso un’occasione per starsene zitta”. Littizzetto asfaltata dall’avvocato della prof “impallinata” dagli studenti