in

Tamponi in farmacia, interviene la Polizia. Cosa è successo a Torino

Vergogna! Sono talmente tanto il governo “dei migliori” che la loro misura adoperata per forzare alla vaccinazione, non sta facendo altro che creare disagi su disagi all’intera Nazione mentre vengono calpestati i diritti degli italiani. In una farmacia di Torino è dovuta intervenire persino una pattuglia della Polizia. Secondo quanto riportato da La Repubblica, una fila lunghissima di persone in attesa di eseguire il tampone, ha affollato lo spazio esterno al presidio farmaceutico arrivando a occupare parte della carreggiata stradale, da qui la richiesta di intervento delle forze dell’ordine. (Continua dopo la foto)

È solo la prima domenica da quando il Green Pass è obbligatorio per andare a lavorare nelle aziende sia pubbliche che private, e il sistema è già andato in tilt: non riesce a farsi carico di tutte le richieste. Le farmacie sono prese d’assalto e non riuscendo a coprire tutti con il servizio, sono costrette a mandare le persone a casa a mani vuote. “Per oggi non si eseguono altri tamponi” si legge. “Ne abbiamo eseguito 300 da stamattina con il numero di persone che hanno già pagato abbiamo lavoro per altre 5 ore. Finiremo a mezzanotte”.

Ovviamente e giustamente coloro i quali non riescono a effettuare il tampone restano senza Green Pass e come fanno per recarsi al lavoro? Questa è una delle peggiori storie di un capitolo nero della nostra democrazia. “Un’ingiustizia, io domani alle 8 devo essere a lavorare. Come faccio?”, chiede qualcuno fuori della farmacia.  “Ho chiamato tutta Torino prima di venire qui. Questa è l’unica che fa il tampone senza prenotare. Se non ci fanno passare non sappiamo cosa fare”, dice qualcun’altro. (Continua dopo la foto)

Ecco il risultato delle follie di questo governo. Alle persone non viene garantita nemmeno la possibilità di eseguire il tampone. Vergogna su vergogna. Noi chiediamo l’abolizione del Green Pass immediatamente, non può più continuare così.

Nei guai l’Istituto Superiore della Sanità. 4 dirigenti accusati di “certificazioni false”

Indagini, perquisizioni, condanne: così inizia a sgretolarsi il “Sistema De Luca”