in

“In Rai suggeriscono l’eutanasia per i nostri anziani”. Il dottor Stramezzi e la denuncia choc: “Perché lo fanno” (il VIDEO)

Pubblicato il 02/11/2022 09:45

“Questa è la trasmissione ReStart che ho visto questa notte all’1.45 del 1° novembre 2022 mentre stavo cambiando la flebo a mia mamma e casualmente c’era la televisione accesa nella camera e ho sentito questa dichiarazione assurda”. Inizia così, con queste parole, il video-denuncia del dottor Andrea Stramezzi pubblicato sul suo profilo Twitter. Stramezzi, già in prima linea per la verità nella battaglia su Covid e vaccini, ha sollevato un’altra questione molto importante. Quella degli anziani. Scrive infatti il dottore nel post: “Un tempo si parlava di tutelare i nostri vecchi e la loro memoria storica. Coloro che hanno lottato per la nostra Libertà e hanno costruito la Nazione. Sulla Rai un boiardo di Stato suggerisce l’eutanasia per 800mila anziani troppo costosi per i servizi sociali. Gates concorda”. Ma cosa si dice nella puntata di ReStart? Le dichiarazioni sono di Roberto Bernabei. La domanda della conduttrice Annalisa Bruchi è: “Ci siamo dimenticati dei nostri vecchi? Cioè persone che non possono rimanere a casa, che hanno tantissime patologie e le Rsa rischiano di chiudere…”. A quel punto si sente la risposta di Bernabei. (Continua a leggere dopo la foto)

Stramezzi continua a riprendere il video dal suo smartphone. E arriva la considerazione choc. Lo ripetiamo: sulla Rai. “Non possono rimanere a casa. Signori: in Italia oggi ci sono 805mila ultra 90enni. Di questi quasi 600mila sono donne, ultra 90enni, la cui metà sono dementi. I letti nelle Rsa in Italia sono 315mila. Fatevi due conti: vista la denatalità, queste donne sole e dementi possono solo che aumentare. Il rischio di eutanasia è quello che pavento fortissimo ed è veramente complicato sostenere questi costi e cercare queste povere di Rsa a livello migliore”. Il commento di Stramezzi è: “Il rischio eutanasia sta già avvenendo in Italia”. (Continua a leggere dopo il video)

Continua Stramezzi: “Quando vai al pronto soccorso con una donna anziana, come è successo a me in questi giorni, è Fentanil e vigile attesa, ossia morfina fino a che non muore. Questo rimanda in memoria, perché nel 2022, il 1° novembre, viene addirittura detto in televisione”. Poco dopo, Stramezzi torna sull’argomento e posta un’immagine che ricorda i fatti di Norimberga, e scrive: “A proposito di 90enni che sarebbe più economico fare morire con la bella morte (Eutanasia), almeno quelli che sono sopravvissuti agli obblighi vaccinali anche in RSA, credo che qualcuno di loro si ricordi cosa successe nel 1946”. E l’immagine recita: “Ottobre 1946. Tribunale di Norimberga. La somministrazione di farmaci, contro la volontà del soggetto, è un crimine contro l’umanità”.

Ti potrebbe interessare anche: Mentana e Facebook censurano Mario Giordano e Il Paragone: “Una vergogna che deve finire”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Li obbligherei!”. Bassetti attacca i sanitari non vaccinati: “Ecco cosa gli farei fare”. Dichiarazioni vergognose

La Germania se ne frega: da Berlino l’ennesimo schiaffo in faccia a chi parla di un’Europa unita