in ,

“Se mi imponi di chiudere, mi paghi. Se non mi ristori allora mi fai riaprire”, lettera di un commerciante

Di seguito riportiamo una delle numerose lettere di testimonianze che riceviamo dai nostri lettori

“Buona sera, sono un commerciante di Napoli, ho due negozi di abbigliamento nel centro storico. Sono in attesa ancora dei ristori di novembre. (Continua dopo la foto)

Il mio commercialista mi ha comunicato che dovrei riceverli e che questo ritardo è causato dal fatto che sono finiti i soldi.

Per quanto invece riguarda i ristori di questa ultima chiusura, a noi non spettano perché non abbiamo avuto perdite superiori a 30%ma del 27%… Calcolo assurdo… (Continua dopo la foto)

Io dico: tu governo mi chiudi, mi imponi delle chiusure, e mi devi pagare quelle e non un calcolo fatto sul 2019 differenza 2020… Tu mi imponi chiusure e mi paghi quelle, altrimenti se non mi ristori, mi devi fare riaprire!
Gennaro D.

Covid, la barista non riesce a pagare l’affito e viene sfrattata

“Ci hanno tolto anche la dignità oltre al lavoro. È disumano lasciare la gente a casa senza un minimo di sostegno”