Vai al contenuto

Anche Schlein e Conte scaricano i sindacati. Il clamoroso motivo dietro il dietrofront a sorpresa

Pubblicato il 17/11/2023 13:35

A gran sorpresa, e dopo una serie di dichiarazioni che potevano far pensare il contrario, Elly Schlein e Giuseppe Conte hanno deciso di non scendere in piazza a fianco dei sindacati. Il tutto nonostante le tante dichiarazioni in cui i due leader del centrosinistra avevano sposato in pieno le ragioni dello sciopero indetto dalla Cgil. All’improvviso, però, la retromarcia. Il motivo? Secondo quanto rivelato da Repubblica, dietro il passo indietro ci sarebbe una ragione ben precisa, che ha spinto i due big a tenersi lontani da piazza del Popolo, dove andrà in scena i l comizio di Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri della Uil contro la manovra targata Meloni. (Continua a leggere dopo la foto)
“Insulti a Schlein!” Sala attacca Pucci: “Clientelismo.” Ma la rete lo asfalta (VIDEO)

schlein conte sindacati

A far clamore è stata soprattutto la decisione di Elly Schlein di non partecipare, visto che altri esponenti del Pd saranno invece regolarmente in piazza. Una lunga lista che spazia da Marco Furfaro e Marta Bonafoni, fedelissimi della segretaria, ad Arturo Scotto e Marina Sereni. Ma cosa c’è dietro questo improvviso dietrofront? (Continua a leggere dopo al foto)

schlein conte sindacati

Landini nei giorni scorsi aveva incontrato entrambi, Schlein e Conte. Separatamente. I rapporti col M5S oggi sono più freddi di un anno fa, mentre con il Pd si sono rafforzati soprattutto dopo l’elezione della nuova segretaria. Una versione ufficiale sulla mancata partecipazione non è stata fornita. Ma le prime indiscrezioni hanno fatto presto capolino. (Continua a leggere dopo laf oto)

schlein conte sindacati

Secondo Repubblica, i motivi sarebbero diversi. “Il primo: quella della Cgil non è una manifestazione, ma uno sciopero. Dunque il vecchio adagio recita: va rispettata l’autonomia del sindacato. Secondo: la destra da qualche settimana ha iniziato a costruire una narrazione, cioè che Landini possa o addirittura voglia essere il federatore dell’ex campo largo. Cioè il vero capo dell’opposizione. Vulgata che dem e stellati scacciano duramente. Ma una foto con Conte e Schlein a bordo palco avrebbe irrobustito quell’idea. Meglio evitare”.

Ti potrebbe interessare anche: Orrore nel cuore di Milano. Esseri umani come zombie nei sotterranei: “Feci e urine dovunque” (VIDEO)