Vai al contenuto

“Chi è davvero De Benedetti”. Sallusti umilia l’imprenditore che aveva insultato Giorgia Meloni (VIDEO)

Pubblicato il 04/04/2023 10:14 - Aggiornato il 05/04/2023 08:54

Un intervento durissimo, quello di Nicola Porro durante l’ultima puntata del programma Quarta Repubblica, in onda su Rete 4. Il giornalista ha fatto il punto sui tanti, tantissimi attacchi ricevuti negli ultimi giorni da Giorgia Meloni da parte della sinistra italiana, alcuni particolarmente violenti e inaspettati. Come quello dell’imprenditore Carlo De Benedetti, che senza tanti giri di parola ha usato l’aggettivo “demente”, scatenando l’ira social delle tante famiglie che si trovano a gestire parenti che soffrono di questa patologia. “Hanno definito il governo fascista, nazista, demente e anche mafioso – ha puntualizzato Porro – Se questo è il modo dell’opposizione italiana di fare proposte per il Paese, qualche perplessità la abbiamo”. Un tema sul quale è poi interventuto anche Alessandro Sallusti, con parole ancora più forti. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ritardati mentali, deficiente…”. Oliviero Toscani vomita odio contro Giorgia Meloni: choc a La Zanzara
>>> “Stattene zitta, Schlein!”. Paragone incontenibile: così asfalta il Pd e i sindacati (il VIDEO)

“De Benedetti dice demente alla Meloni – ha spiegato Sallusti – Ma a differenza di De Benedetti, Meloni non è stata mai arrestata per tangenti, né ha mai ammesso di aver pagato tangenti a Poste Italiane per avere appalti. De Benedetti invece ha fatto tutto questo, oltre a essere stato inquisito per strage ambientale e insider trading. Questo è il nuovo faro del Pd. Questo si chiama demenza senile“. (Continua a leggere dopo la foto)

Durante la puntata, Porro ha poi mostrato le risate compiaciute di Schlein davanti agli insulti contro Giorgia Meloni. Oltre a insultare l’esecutivo e la sua leader, De Benedetti è arrivato anche a sostenere, sotto gli occhi di tanti esponenti della sinistra italiana, che dietro la premier ci sarebbe l’amministratore delegato di Eni De Scalzi. (Continua a leggere dopo la foto)(Continua a leggere dopo la foto)

sallusti de benedetti


E pensare che soltanto pochi mesi fa, la stessa segretaria dem si infuriava quando la accusavano di avere le spalle protette da Dario Franceschini, uno dei big del partito, tacciando di “sessismo” chiunque azzardasse certe tesi. I tempi, evidentemente, sono cambiati. E se la vittima è Giorgia Meloni, il livore lascia il posto a una risata divertita.

Ti potrebbe interessare anche: “Che fine farà Elly Schlein”. La profezia di Cacciari sulla nuova segretaria Pd: “Inevitabile”