in

“Reddito di cittadinanza? Lo aboliremo. Ecco con cosa sarà sostituito”: l’annuncio di La Russa

Pubblicato il 29/09/2022 12:45

Cosa farà Fratelli d’Italia con il reddito di cittadinanza? Una domanda che hanno iniziato a porsi in tanti, all’indomani del successo del partito di Giorgia Meloni alle elezioni. Nei giorni in cui il governo inizia a prendere forma, con le trattative tra i partiti del centrodestra sempre più serrate, l’interrogativo si è fatto più attuale che mai. La risposta? Tutt’altro che scontata, nonostante sulla carta il programma della futura premier sembrerebbe chiaro.

Durante la campagna elettorale, Meloni aveva infatti promesso più volte l’abolizione del reddito di cittadinanza. Una parte della sua stessa coalizione, però, non sembra più così sicura della strada da seguire, a maggior ragione ora che si avvicina un inverno che si preannuncia problematico per le famiglie italiane. A provare a dare una risposta è stato in queste ore l’esponente di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa.

Ospite della trasmissione Cartabianca, La Russa ha ribadito la linea del partito: “Noi vogliamo abolire il reddito di cittadinanza, ma nel momento in cui lo aboliamo facciamo un’altra legge. Anzi, due leggi”. Tra questi provvedimenti, uno punterebbe a “garantire al 50% degli attuali percettori qualcosa di più rispetto a quello che prendono ora”.

Si parla di “famiglie numerose, disabili, pensionati. L’altro 50% per metà è costituito da gente che non aveva alcun diritto, che ha truffato lo stato. C’è una marea di gente… Ad un altro 25% che ha diritto, noi speriamo di dare un lavoro. Noi immaginiamo di abolire questa legge e di ricostruire in forma diversa il rapporto con chi ha bisogno. Siamo convinti che offrendo ai datori di lavoro la possibilità di assumere e avere meno tasse si possano avere molte assunzioni” ha concluso La Russa.

Ti potrebbe interessare anche: Tutti pronti al grande inciucio: «E’ un dovere partecipare». A due giorni dal voto arrivano i primi “segnali”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Mi faccio da parte”. Il big si sfila dal futuro governo, scoppia un’altra bomba nel centrodestra

“Grazie a Zelensky”. Gli elettori asfaltano il tweet della Meloni: “Non tradire la nostra fiducia”