in ,

Rai, cambiano i direttori. È l’ora dei “meloniani”. Ecco chi entra e chi esce

Pubblicato il 25/10/2022 12:03

Alla Rai parte la rivoluzione con il cambio di governo. Malgrado tutti continuino a ripetere da anni che il servizio pubblico debba essere spoliticizzato, ogni nuovo esecutivo che subentra cerca di mettere i “suoi” nei posti apicali. E così succederà di qui a breve, a maggior ragione dopo la nomina del direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano a ministro della Cultura. Il risiko dell’informazione del servizio pubblico prevede qualche addio e diversi “trasferimenti”. Anche di peso. Come racconta un retroscena di Repubblica, “la prima tessera del domino a muoversi, a cui seguiranno tutte le altre, è quella della direzione del telegiornale della seconda rete che sarà decisa entro i prossimi sette giorni o poco più. È il tempo che Fratelli d’Italia ha dato all’amministratore delegato Carlo Fuortes – scrive Repubblica – in un retroscena secondo cui l’interim, affidato al vice Carlo Pilieci, potrebbe durare tre mesi”. (Continua a leggere dopo la foto)

Intanto si pensa al Tg1 dove è dato per favorito Nicola Rao o il numero 1 di Rainews Paolo Petrecca. “Al momento FdI è fuori sia dal Cda sia dalle posizioni apicali di Viale Mazzini. Quasi tutte occupate dall’ex maggioranza d’unità nazionale” ricorda il quotidiano secondo cui l’assetto attuale non può durare a lungo. Ma la premier Giorgia Meloni vuole evitare strappi. Tanto meno con l’ad Carlo Fuortes. Nessun avviso di sfratto verrà notificato al capo azienda: sarà lui a fare un passo indietro, se vorrà. Tutt’al più gli verrà affiancato un direttore generale nella persona di Giampaolo Rossi”. (Continua a leggere dopo la foto)

In ogni caso, in Rai sarà rivoluzione. “Si diceva Rao al Tg1 “ma solo se Monica Maggioni otterrà o un programma d’approfondimento in prima serata”. Bruno Vespa, in fase di rinnovo di contratto per due anni, ha però tre seconde serate a settimana. Per Maggioni spunta anche l’ufficio di corrispondenza di New York. In caso, al Tg2 andrebbe ad Angela Mariella da Isoradio, dove approderebbe Giuseppe Carboni. Al Tg3 Mario Orfeo resterebbe a presidio dell’ultimo fortino della sinistra”. (Continua a leggere dopo la foto)

Dietro l’angolo anche la partita dei Generi. A febbraio Antonio Di Bella andrà in pensione e all’Approfondimento giornalistico andrà il vice Paolo Corsini, mentre al Day Time “scalda i motori Angelo Mellone, che subentrerebbe a Simona Sala”. In Rai, insomma, si preparano al nuovo cambio. Altro giro, altra corsa.

Ti potrebbe interessare anche: “Trovate tracce di mRna”. Lo studio choc che ora allarma milioni di mamme nel mondo

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Si è accasciato ed è morto in campo”. Tragedia nel mondo del rugby: il campione aveva solo 42 anni

“Non fidatevi di Wikipedia”. L’ammissione del co-fondatore: così sono state messe a tacere le voci “scomode”