in

Putin, scacco matto! L’ultimatum della Russia all’Europa. Ed ora son guai

Pubblicato il 05/09/2022 18:01 - Aggiornato il 05/09/2022 18:10

Giornata calda, anzi caldissima sul fronte Unione Europea – Russia. Soltanto pochi minuti fa, alle 17:01, Mosca ha rilasciato un’importantissima ed eloquente dichiarazione: «Le forniture di gas riprenderanno soltanto se ci sarà la revoca alle sanzioni». Questa la risposta russa al nuovo possibile pacchetto di sanzioni (l’ottavo dall’invasione delle truppe di Putin) ed alla telefonata intercorsa tra il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen.
(Continua a leggere dopo la foto)

La telefonata tra Zelensky e la Von der Leyen

A rendere noto il contenuto del colloquio telefonico è stato lo stesso Zelensky attraverso un tweet, dove ha raccontato che «si è discusso dell’assegnazione della prossima tranche di aiuti macro finanziari dell’Ue il prima possibile» e si è sottolineato «la necessità di preparare l’ottavo pacchetto di sanzioni, compreso il divieto di rilasciare visti ai cittadini russi». Per il presidente ucraino, nella telefonata si sono coordinate «le misure per limitare i profitti della Russia dalla vendita di petrolio e gas». Nella conversazione telefonica, aggiunge il presidente ucraino, si è «considerata la possibilità di una rapida valutazione da parte della Commissione europea non appena l’Ucraina avrà soddisfatto le sue sette raccomandazioni» per l’iter di ingresso dell’Ucraina in Ue.
(Continua a leggere dopo la foto)

Le nuove sanzioni scatenano la reazione russa

Nel frattempo, le motivazioni che hanno portato ad una nuova sospensione del gasdotto Nord Stream 1 «non sono scomparse» e sono riconducibili alle sanzioni contro la Russia, ha dichiarato ai giornalisti Dmitry Peskov, il portavoce del Cremlino, sostenendo che c’è solo una turbina al lavoro e non funziona bene. «Una sola unità è rimasta in funzione, e non funziona correttamente, si verificano guasti. Questo porta all’interruzione del pompaggio (attraverso il Nord Stream). Considerando che le sanzioni restano in vigore, dato che portano assoluta confusione – legale, pratica, in che è connesso con la manutenzione di tutte le unità, per ora, l’unica cosa che possiamo sperare per questa singola unità è che sarà in qualche modo possibile farla di nuovo funzionare», ha detto Peskov.
(Continua a leggere dopo la foto)

L’ultimatum russo: “tempesta globale”

Il perseverare dell’Unione Europea sulla strada delle sanzioni e degli aiuti militari a Kiev, sembra aver convinto la Russia a dare una sorta di ultimatum. Nelle scorse ore Mosca ha rilasciato una dichiarazione piuttosto chiara: le nuove sanzioni europee in discussione in queste ore causeranno «una tempesta globale» per l’effetto combinato dello stop al Nord Stream, il principale gasdotto per le forniture di energia all’Europa, e l’incubo del caro bollette. È stato il vice premier di Putin con delega per l’Energia, Alexander Novak, a ribadire che il blocco del gasdotto dove transita il metano per l’Europa è dovuto unicamente alle misure europee che hanno impedito le adeguate riparazioni, per poi agitare lo spauracchio di ulteriori aumenti del prezzo del gas, che potrebbe continuare a crescere e toccare presto «livelli record» per i consumatori europei. La strada sembra essere delineata: «O togliete le sanzioni o vi azzereremo le forniture».

Potrebbe interessarti anche: “La folla sta cacciando il governo”. Il VIDEO dell’imponente protesta nel cuore dell’Europa diventa virale

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Avrebbero potuto salvare tante vite. Ma furono boicottate”. La denuncia del medico

Malattie mai viste. Infezioni scomparse che ritornano: “I medici non si spiegano il perché”. Cosa sta succedendo