Vai al contenuto

“E se Putin avesse previsto tutto?”. Il New York Times affonda Biden e la Nato

Pubblicato il 31/03/2022 10:10

La narrazione a senso unico dei più realisti del Re ci dice che Putin avrebbe sbagliato catastroficamente i calcoli e che ora sia in ritirata. Che non si aspettava questo scenario in Ucraina e che ha perso su tutta la linea. Ma stanno davvero così le cose? A porsi questo dubbio e a dimostrare l’esatto contrario è nientepopodimeno che il New York Times che dà così uno schiaffone a Biden e a tutto l’occidente. Secondo il Nyt, invece, tutto starebbe andando proprio secondo i piani di Putin. “La saggezza convenzionale è del tutto plausibile. Ha il vantaggio di rivendicare la strategia occidentale di sostenere l’Ucraina in modo difensivo. E tende alla conclusione che il miglior risultato è quello in cui Putin trova una via d’uscita per salvare la faccia: ulteriore territorio ucraino, un impegno di neutralità ucraino, la revoca di alcune sanzioni. Ma cosa succede se la saggezza convenzionale è sbagliata? E se l’Occidente stesse giocando ancora una volta nelle mani di Putin?”. (Continua a leggere dopo la foto)

“La possibilità è suggerita in un potente ricordo di Carlotta Gall, giornalista del Times, sulla sua esperienza durante l’assedio russo di Grozny, la prima guerra cecena a metà degli anni ’90. Nelle prime fasi della guerra, combattenti ceceni motivati spazzarono via la brigata russa corazzata, stordendo Mosca. I russi si raggrupparono e spazzarono via Grozny da lontano, usando l’artiglieria e la forza aerea. Oggi la Russia opera con lo stesso copione. Quando gli analisti militari occidentali sostengono che Putin non può vincere militarmente in Ucraina, ciò che in realtà intendono è che non può vincere nettamente. Ma da quando Putin ha giocato pulito?”. (Continua a leggere dopo la foto)

“C’è un’intera fase successiva nel copione di Putin, che è ben noto ai ceceni”, scrive Gall. “Quando le truppe russe hanno ottenuto il controllo sul campo in Cecenia, hanno represso ogni ulteriore dissenso con arresti e campi di filtraggio e hanno trasformato e dato potere a protetti e collaboratori locali”. Supponiamo per un momento che Putin non abbia mai avuto intenzione di conquistare tutta l’Ucraina: che, fin dall’inizio, i suoi veri obiettivi fossero le ricchezze energetiche dell’est dell’Ucraina, dove si trovano le riserve di gas naturali più grandi in Europa dopo quelle norvegesi. Combinando tutto questo con i precedenti sequestri territoriali della Russia in Crimea (che ha enormi giacimenti energetici offshore) e nelle province orientali di Luhansk e Donetsk (che contengono parte di un enorme giacimento di gas di scisto), e la forma delle ambizioni di Putin diventa chiara. (Continua a leggere dopo la foto)

“È meno interessato a riunire il mondo di lingua russa che a garantire il dominio energetico della Russia. «Con il pretesto di un’invasione, Putin sta eseguendo un’enorme rapina», ha affermato l’esperto di energia canadese David Knight Legg. Per quanto riguarda ciò che resta di un’Ucraina per lo più senza sbocco sul mare, probabilmente diventerà un caso di welfare per l’Occidente, che aiuterà a pagare il conto per il reinsediamento dei rifugiati ucraini in nuove case al di fuori del controllo russo. Col tempo, potrebbe prendere il potere in Ucraina una figura simile a Viktor Orban, con lo stile politico da uomo forte che Putin preferisce per i suoi vicini. Se questa analisi è giusta, allora Putin non sembra il perdente calcolatore in errore che i suoi critici descrivono”. (Continua a leggere dopo la foto)

Anche la sua strategia di prendere di mira i civili ha senso. “Più che un semplice modo per compensare l’incompetenza delle truppe russe, l’uccisione di massa di civili esercita un’enorme pressione su Zelensky affinché accetti le stesse cose che Putin ha sempre chiesto: concessioni territoriali e neutralità ucraina. L’Occidente cercherà ogni opportunità per diminuire l’escalation, soprattutto quando se si convince che un Putin mentalmente instabile è pronto a usare armi nucleari. In Russia, la guerra ha già servito gli scopi politici di Putin. Molti nella classe media professionale – le persone più in sintonia con i dissidenti come Aleksei Navalny – sono andati in esilio autoimposto. Quel che restava della stampa libera è stato chiuso, probabilmente per sempre”. (Continua a leggere dopo la foto)

“L’imbarazzo provocato dall’esercito russo porterà più probabilmente a un’epurazione dall’alto che a una rivoluzione dal basso. E le nuove ricchezze energetiche della Russia potrebbero alla fine aiutarla a liberarsi dalla morsa delle sanzioni. Questa analisi alternativa della performance di Putin potrebbe essere sbagliata. Poi di nuovo, in guerra, in politica e nella vita, è sempre più saggio trattare il tuo avversario come una volpe astuta, che non come un pazzo folle”.

Ti potrebbe interessare anche: Continua la crescita di Italexit: Radosta (ex FdI) si unisce al progetto politico di Paragone