in

“Estate a rischio”. Tornano le virostar del terrore: l’allarme di Pregliasco tira la volata alle prossime restrizioni

Pubblicato il 21/06/2022 10:59

Il virologo Fabrizio Pregliasco non molla, e torna a sparare a zero sugli italiani e a fare allarmismo. A Rai Radio1, ospite di “Un Giorno da Pecora“, il virologo dell’Università Statale di Milano ha detto che “siamo nel pieno della nuova ondata di Covid che avrà il suo picco a fine luglio”. Per non esser contagiati “da Omicron 5 non basta aver avuto il Covid e l’avere fatto tre dosi”, ha aggiunto Pregliasco a Radio1. Anche se è ormai evidente che si tratti di una semplice influenze, con al massimo un forte raffreddore, il virologo attacca: “Diciamo che Omicron 5 è quattro volte tanto un’influenza forte”. Quanto alla nuova ondata pandemica, Pregliasco non ha dubbi: “Siamo a metà strada, il picco ci sarà verso fine luglio”. (Continua a leggere dopo la foto)

Capitolo mascherina al mare. Anche qui Pregliasco non smette i panni del sergente di ferro e ammonisce: “Va indossata nei momenti di affollamento prima di andare sulla battigia, ad esempio all’ingresso degli stabilimenti”. La virostar, ricicciata fuori insieme a tutti i suoi colleghi che erano caduti nel dimenticatoio con lo scoppio della guerra, è stata poi ospite anche della trasmissione “Rotocalco 264” su Cusano Italia Tv: “Le due nuove varianti mettono a rischio anche l’estate”, ha terrorizzato tutti. Sull’abolizione dell’obbligo di mascherine, Pregliasco ha osservato che “Siamo a due anni e mezzo di pandemia, è difficile far mantenere in maniera stringente le misure e nel momento in cui non si riesce è meglio allargare un po’ le maniche”. (Continua a leggere dopo la foto)

Poi sconsolato afferma: “La decisione è una decisione politica che rientra nelle decisioni dei Paesi che hanno deciso di mitigare questo virus”. Il virologo sottolinea che “ogni contatto interumano è a rischio d’infezione”. Ad oggi c’erano le condizioni per aumentare i contatti e il volume della vita, secondo Pregliasco. Ma ora bisogna considerare che c’è un fisiologico rialzo dei casi, “per cui bisogna raccomandare l’utilizzo della mascherina, che è mandatoria per le persone fragili e per coloro che le assistono”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Avremo andamenti ondulanti. Ci aspettiamo ancora una risalita dei casi in inverno – ha concluso – ma dobbiamo prevedere un rialzo anche questa estate sperando che si possa gestire questa situazione molto meglio rispetto al passato, anche perché abbiamo degli ottimi farmaci rispetto al passato”.

Ti potrebbe interessare anche: Arcuri, ecco quanto ha guadagnato nell’anno da commissario all’emergenza. Scoperte le carte, scoppia un altro caso

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Abbandonata su una barella accanto a un morto”: l’ennesima testimonianza choc da un ospedale italiano

I non vaccinati si contagiano meno dei trivaccinati: il flop terza dose nei dati Iss (che però replica così)