x

x

Vai al contenuto

Pedaggi autostradali, nel 2024 arriva la stangata: ecco quanto dovremo pagare (e perché)

Pubblicato il 29/12/2023 12:52 - Aggiornato il 29/12/2023 15:19

Stangata in arrivo sul fronte pedaggi autostradali. Il nuovo anno, per gli italiani, non porterà infatti gradite sorprese per chi ama (o è costretto causa lavoro) spostarsi spesso in auto lungo lo Stivale: come spiegato dal Fatto Quotidiano, il decreto Milleproroghe approvato nei giorni scorsi dal Consiglio dei ministri consentirà alle concessionarie autostradali “di aumentare le tariffe per il 2024 del 2,3%, pari all’inflazione prevista dalla Nota di aggiornamento al Def”. Nel comunicato dell’esecutivo si legge che il rincaro arriverà “nelle more degli aggiornamenti convenzionali”, ovvero in attesa che le società presentino le loro proposte di aggiornamento dei piani economico-finanziari (PEF) predisposti in conformità alle delibere dell’Autorità di regolazione dei trasporti. (Continua a leggere dopo la foto)
“Si dovrebbe ribellare”. Il messaggio di Laura Boldrini a Giorgia Meloni che fa infuriare i social
Italexit per l’Italia: Gianluigi Paragone si è dimesso dalla carica di segretario nazionale del partito

pedaggi autostradali 2024

Il termine ultimo per depositarle è stato rinviato al 30 marzo 2024 e il termine per il perfezionamento dell’aggiornamento dei piani economici finanziari dei concessionari autostradali è slittato al 31 dicembre del prossimo anno. Nel frattempo, però, le brutte notizie: gli automobilisti pagheranno il 2,3% in più. “Gli adeguamenti rispetto a tali incrementi tariffari, in difetto o in eccesso, sono definiti con l’aggiornamento dei PEF” si legge nel comunicato. In futuro potrebbe dunque profilarsi una ulteriore stangata, dopo che giù quest’anno i pedaggi sono saliti del 2%. (Continua a leggere dopo la foto)

pedaggi autostradali 2024

“Siamo contrari a questa scelta del governo di ripetere il solito rito di aumenti ai caselli autostradali apparentemente finalizzati a finanziare i lavori sulla rete, che in realtà contribuiscono ai profitti delle società autostradali come confermano i bilanci degli ultimi 2 anni (solo Aspi oltre 1 miliardo nel 2022, 800 milioni nei primi nove mesi del 2023)” ha commentato Assoutenti. (Continua a leggere dopo la foto)

“Sia rispettata la delibera dell’Autorità regolatoria dei trasporti – è stato il commento del presidente onorario Assoutenti Furio Truzzi – Chiediamo al Parlamento di votare contro e di riportare la logica degli aumenti tariffari in una visibile e concreta maggiore erogazione di servizi e di sicurezza a giustificazione dei maggiori costi sostenuti dagli utenti”.

Ti potrebbe interessare anche: “Pugno di cretini”. Caso Ferragni, Mughini perde le staffe e sbotta in diretta: panico in studio (VIDEO)