in

Partita chiusa: ecco vincitori e vinti delle Regionali

Tre Regioni al centrodestra e tre al centrosinistra. Si è chiusa così la delicata partita delle elezioni, con Matteo Salvini che non è riuscito a strappare la Toscana agli avversari giallorossi. Numeri alla mano, in Liguria è stato il centrodestra a confermarsi: secondo le ultime proiezioni Rai, il governatore in carica Toti è infatti avanti con una forbice del 51-55% sullo sfidante Sansa del centrosinistra, fermo al 38-42%.

Partita chiusa: ecco vincitori e vinti delle Regionali

In Veneto, come ampiamente prevedibile, è stato Zaia ad aggiudicarsi la vittoria con un ampissimo margine: 72-76% per il governatore, con lo sfidante Lorenzoni rimasto invece al 16-20%. In Toscana niente da fare per la Lega: Ceccardi, la candidata scelta da Salvini per tentare l’impresa, non è andata oltre il 40-44% con Giani del centrosinistra avanti al 43,5-47,5%.

Partita chiusa: ecco vincitori e vinti delle Regionali

Nelle Marche è stato il centrodestra ad aggiudicarsi la contesa: Acquaroli è infatti al 47-51%, avanti rispetto allo sfidante di centrosinistra Mangialardi al 34-38%. Una delle partite più attese era invece quella della Puglia, dove si prospettava un duro testa a testa. Alla fine, invece, il governatore di centrosinistra in carica Emiliano è riuscito a imporsi: le proiezioni lo danno al 47%, con Fitto del centrodestra indietro al 39,1%.

Partita chiusa: ecco vincitori e vinti delle Regionali

Nessuna sorpresa invece in Campania, dove Vincenzo De Luca era ampiamente avviato verso la riconferma: 64,9% il vantaggio del presidente della Regione sullo sfidante di centrodestra Stefano Caldoro, fermo al 20,2%. Sul fronte referendum per il taglio dei parlamentari, il Sì si è nettamente imposto con il 69,5%. Hanno invece scelto il No il 30,5% dei votanti.

Ti potrebbe interessare anche: Banchi, un pasticcio senza fine. Adesso salta fuori l’ultimo intoppo

Col Recovery tagliate le bollette altrimenti è tutto un bluff

Zingaretti esulta: “Mes e decreti Salvini”. Ora il PD impone la linea