in

Palamara e il suo “cerchio magico”: così venivano influenzate le decisioni del Csm

Pubblicato il 10/06/2020 10:20

Un pozzo senza fondo, dal quale continuano a saltar fuori rivelazioni, retroscena, potenziali scandali. La rete fittissima costruita da Luca Palamara, ex componente del Consiglio Superiore della Magistratura accusato di corruzione dalla procura di Perugia, è talmente ingarbugliata da rendere difficilissimo ogni tentativo di districarla. Un elenco lunghissimo di conversazioni telefoniche e chat Whatsapp all’interno del quale è possibile trovare cantanti, politici, sportivi, vertici istituzionali, giornalisti, magistrati. E, stando alle intercettazioni pubblicate dal Corriere della Sera, anche interessanti scorci sul recente funzionamento del Csm, l’organo di autogoverno dei giudici.

Palamara e il suo "cerchio magico": così venivano influenzate le decisioni del Csm

In un passaggio Massimo Forciniti, 53 anni, tornato alla presidenza di una sezione del Tribunale di Crotone dopo l’esperienza al Csm, scrive a Palamara: “Grazie al tuo avallo, in questa consiliatura molte cose sono state decise da vicepresidente del cerchio magico, non nelle sedi proprie”. Un passaggio sul quale Forciniti è stato ascoltato dagli investigatori, chiarendo che con quell’espressione, cerchio magico, intendeva un gruppo che comprendeva Palamara, il vicepresidente Giovanni Legnini e altri consiglieri, tutti impegnati secondo lui a orientare l’attività del Csm.

Palamara e il suo "cerchio magico": così venivano influenzate le decisioni del Csm

Ci sono poi una serie di nomine sospette, finite via via nel mirino negli inquirenti impegnati a scavare in una mole sconfinata di materiale. In un messaggio Palamara scrive ad esempio a Forciniti che anche lui e Maria Elisabetta Alberti Casellati avevano ottenuto posizioni di rilievo: “Casellati presidente Senato, tu presidente terza e settima commissione”. Replica di Forciniti: “Nemmeno una presidenza nel quadriennio volevi farmi fare?”. Tra le altre nomine finite sotto la lente d’ingrandimento anche quella dei procuratori Carlo Capristo a Taranto, finito in manette per corruzione nei giorni scorsi, e Pietro Argentino a Matera.

Palamara e il suo "cerchio magico": così venivano influenzate le decisioni del Csm

Una serie di passaggi dei quali è stato chiesto anche all’ex vicepresidente Legnini, che ha spiegato di aver contribuito a far perdere Capristo nella sfida per la procura generale di Bari per poi sostenerlo però, insieme alla sua corrente, al momento della corsa per Taranto. Palamara si sarebbe però impegnato soprattutto per la scelta di Di Maio come procuratore di Trani. Altri squarci di un micromondo in cui confini sono ancora difficili da trattare con certezza. Nella consapevolezza che, come emerso da alcune conversazioni, “chi aveva una richiesta da avanzare al Csm finiva inevitabilmente per contattare Palamara”.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/attualita/la-prima-settimana-del-dl-liquidita-e-stata-un-disastro/

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Piano Colao: le solite ricette liberiste

“Il Covid a Wuhan già in agosto”. Lo studio di Harvard svela i silenzi della Cina