Vai al contenuto

“Pronti a introdurre un nuovo reato”. L’annuncio del governo: ecco le norme in arrivo

Pubblicato il 19/10/2023 15:19

Il governo Meloni torna a puntare i fari sulla violenza nelle strade e sui tanti episodi che, purtroppo, nelle ultime settimane hanno occupato le pagine dei giornali. In occasione della presentazione del progetto di riqualificazione e ristrutturazione dell’ex centro sportivo Delphinia a Caivano, luogo dove sono avvenuti gli episodi di violenza nei confronti delle due cuginette minorenni, è intervento anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Alfredo Mantovano. Annunciando, tra le tante cose, la possibile introduzione di un nuovo reato. (Continua a leggere dopo la foto)
“Una presa di potere”. La stampa estera all’attacco del governo Meloni: un copione (tristemente) già visto
>>> “Finisce qui con Andrea Giambruno”. L’annuncio a sorpresa di Giorgia Meloni: il POST

nuovo reato governo

“Il governo immagina di inserire disposizioni suggerite dagli operatori del territorio – ha dichiarato Mantovano – in particolare, una pratica abbastanza diffusa è la cosiddetta stesa, ossia procedere in armi sparando a dimostrazione di una sorta di predominio sul territorio. Finora – ha poi aggiunto – era una aggravante rispetto ad altri reati, ora immaginiamo di trasformarla in un delitto autonomo, che verrà punto in sé”. 

nuovo reato governo

All’evento è intervenuto anche il ministro per lo sport e per i giovani, Andrea Abodi: “Caivano sarà un luogo che deve andare oltre il simbolo, noi aggrediamo l’abbandono sociale e lo affrontiamo a fronte di fatti di cronaca che si sono ripetuti per 15 anni. Siamo in grado di cambiare la condizione generale di quella comunità, lo Stato – ha sottolineato il ministro – è presente e lo Stato risponde. Non è solo rigenerazione urbana, ma umana”. Il messaggio lanciato dal governo è chiaro: “La legalità è la priorità assoluta, tema al quale si lega la convivenza sociale”.

Ti potrebbe interessare anche: Lutto nell’Arma dei carabinieri: un malore improvviso spezza la vita di Andrea, 32 anni