x

x

Vai al contenuto

“Non dico che sia un deficiente, ma…”. Feltri imperdibile su Conte: VIDEO da impazzire

Pubblicato il 30/12/2023 08:47

Vittorio Feltri regala sempre grandi perle. Stavolta nel suo mirino ci finisce il leader del movimento 5 Stelle Giuseppe Conte. O meglio, l’attenzione del giornalista è sulla sua dichiarazione dei redditi che ha lasciato tutti un po’ perplessi: solo 24mila euro. In collegamento con David Parenzo a “L’Aria che tira” su La7, nella puntata del 29 dicembre, Feltri viene stimolato sull’argomento, e ragiona a voce alta: “Penso che sia legittimo fare politica e continuare nella propria professione”, ha detto a proposito delle dichiarazioni dei redditi dei parlamentari, che negli ultimi giorni hanno animato parecchio il dibattito pubblico. Tra i più “ricchi” il senatore Matteo Renzi, mentre in basso alla classifica c’è Giuseppe Conte. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Sfilano la sedia a De Luca, il tonfo è clamoroso: il VIDEO che sta facendo impazzire l’Italia

“Non credo che i politici stiano tutto il giorno in aula a litigare, penso ci siano delle ore libere nelle quali ciascuno di loro fa quello che ritiene più opportuno fare. Questo non mi sorprende”, dice Feltri, che poi arriva al leader del M5S: “Mi ha sorpreso che Conte abbia denunciato 24mila euro perché penso che con quella cifra uno non può nemmeno campare, tantomeno a Roma o a Milano, dove il costo della vita è altissimo”. Secondo Feltri, “qualcosa non funziona, uno che prima guadagnava 2 milioni l’anno… non dico che sia un deficiente ma io non avrei mai fatto una scelta così stolta”. (Continua a leggere dopo il video)

“Per te è impensabile guadagnare meno, sarebbe una cosa folle”, chiede in modo ironico Parenzo. E Feltri ha risposto: “No, ma poi guadagnare quasi niente… Uno può anche rinunciare a una parte del proprio reddito, ma ridursi a vivere con 24mila euro significa essere quasi vicino a un senzatetto”.

Ti potrebbe interessare anche: Anziano rimprovera un uomo senza il guinzaglio: la reazione è folle (VIDEO). Attenzione, immagini forti