in

Nell’estate dei vaccini, più morti e positivi rispetto a un anno fa

Pubblicato il 19/08/2021 14:01 - Aggiornato il 19/08/2021 14:02

L’estate del vaccino a tutti i costi, del Green pass necessario ormai per qualsiasi operazione quotidiana e delle campagne mediatiche a strenua difesa dei farmaci anti-Covid è anche l’estate in cui il numero di positivi e decessi è schizzato verso l’alto. A conferma di come le cure contro il virus attualmente disponibili non stia funzionando. E di quanto sia folle vincolare il ritorno alla normalità degli italiani alla doppia dose, evidentemente non sufficiente a uscire dall’emergenza.

Nell'estate dei vaccini, più morti e positivi rispetto a un anno fa

Dando un’occhiata al parallelo tracciato dal Fatto Quotidiano tra la stagione estiva 2021 e quella dell’anno precedente, ecco balzare agli occhi quella verità che tanti giornali continuano a negare: oggi si muore di più e ci si contagia di più. Nel periodo compreso tra il 1 luglio e il 18 agosto del 2020, infatti, la media giornaliera dei nuovi positivi era di 278, con circa 10 decessi ogni 24 ore. Attualmente, i morti giornalieri sono 30.

Non va meglio nemmeno per quanto riguarda la diffusione del Covid, visto che oggi i positivi sono oggi poco meno di 4.000 al giorno. Un boom incredibile, quello della situazione dei contagi, moltiplicati addirittura per 14 rispetto al 2020, quando però non esistevano ancora i vaccini. I farmaci anti-Covid, insomma, non hanno affatto migliorato la situazione, peggiorata anzi rispetto al passato. Uno scenario che rende intollerabile quel ricatto di Stato che prende il nome di “Green pass”.

La corsa dei virologi alla difesa strenua del governo è subito scattata: “Colpa della variante Delta, che ha un tasso di contagiosità addirittura sette volte più alto rispetto al virus che affrontavamo nel 2020”. La conferma indiretta di come i farmarci non riescano a contrastare il virus. E di quanto sia inutile, oltre che ingiusto, costringere gli italiani a vaccinarsi.

Ti potrebbe interessare anche: “La proroga dello stato d’emergenza?”, così Cassese distrugge Draghi e il governo

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Il fallimento di Lamorgese: rave party sì, sbarchi pure, ma gli italiani a cena fuori no

I vaccinatori arrivano nelle scuole. Il piano per mettere le mani sui ragazzi