x

x

Vai al contenuto

Morti improvvise, il mistero delle autopsie: la denuncia del Comitato Salvaguardia. E c’è un boom di segnalazioni

Pubblicato il 28/02/2024 09:59

La lista delle morti improvvise collegabili al vaccino è sempre più lunga, ma quella delle autopsie è sempre più corta. Il mistero, dunque, continua. A fare il punto sulla situazione, e a dare dignità e a provare a fare giustizia ci pensa Marianna Canè su LaVerità: “Edoarda Basso aveva 24 anni, era perfettamente sano, il papà lo ha trovato senza vita nel suo letto. Enrico Bozzetto di anni ne aveva 41, anche lui era perfettamente sano, questa volta è stata la mamma a trovarlo nel letto, non respirava più. Raffaella De Luca faceva la poliziotta, aveva 29 anni e un bambino di pochi mesi, la mamma l’ha ritrovata per terra, ormai non c’era più nulla da fare. Angela Carnevale era una maestra di 35 anni, è morta all’improvviso davanti all’ingresso della scuola dove insegnava. Dimitri Roveri è stato stroncato da un malore in campo a soli 28 anni”. Ma si potrebbe continuare ancora a lungo. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Meloni infuriata, Salvini se ne va. Il retroscena dal consiglio dei ministri: “Tutti contro tutti”. Cosa è successo

Siamo di fronte a un vero e proprio bollettino di guerra, ogni santo giorno, da quando è partita la vaccinazione di massa. Eppure si continua a far finta di nulla, nonostante i familiari non si arrendano e chiedono a gran voce che venga scoperta la reale causa che ha portato al decesso dei loro cari. Per questo è nato il “Comitato Salvaguardia”, fondato da Elena Alberton, la mamma di Enrico Bozzetto, con l’intento di chiedere l’autopsia. Dice a LaVerità: “È importante indagare, è importante assicurarsi che venga fatta l’autopsia, ed è importante sollecitare affinché l’indagine sia completa e non escluda nulla, perché come ci insegna la scienza è fondamentale andare a cercare eventualmente per escludere, ma non escludere a priori”. Il problema infatti è proprio questo: le autopsie vengono boicottate. E quelle che vengono fatte, denunciano i familiari, non emettono alcuna diagnosi, salvo confermare “morte improvvisa”. E questo è un dato davvero allarmante. (Continua a leggere dopo la foto)

Forse perché – e ora questo è il dubbio più grande – si ha il timore di confermare la correlazione tra questo aumento di mortalità e i vaccini Covid? Perché le tempistiche suggeriscono proprio questo. Del resto sia Pfizer che Moderna dopo le incredibile constatazioni di correlazione hanno dovuto riportare nei foglietti illustrativi dei loro farmaci che possono causare peri-miocarditi in soggetti giovani anche fatali, quindi morte improvvisa. A maggior ragione, dunque, è necessario che le autopsie vengano fatte con l’intento di trovare e non di nascondere la reale causa del decesso. Intanto le segnalazioni di dubbi su queste morti improvvise aumentano, e stanno arrivando soprattutto dai sindacati delle forze dell’ordine, dalla polizia ai vigili del fuoco. La lotta per la verità deve continuare.

Ti potrebbe interessare anche: “Però contro i novax andavano bene i manganelli”. Cruciani scatenato contro Mattarella. Il gesto fortissimo (VIDEO)