in

Mes, “ribaltone” di Forza Italia. Ora Conte rischia

Alla fine Forza Italia scioglie la riserva. In un primo momento sembrava che avessero aperto lo spiraglio per la riforma all’approvazione del Mes, ma stando alle ultime dichiarazioni di Berlusconi, che riprendiamo da AGI, la direzione assunta dal partito prende il senso contrario.  

“Il 9 dicembre non sosterremo in Parlamento la riforma del Mes perche’ non riteniamo che la modifica del Meccanismo di Stabilita’ approvata dall’Eurogruppo sia soddisfacente per l’Italia e non va neppure nella direzione proposta dal Parlamento europeo”, dichiara Silvio Berlusconi. 

Due le motivazioni che “ci preoccupano” e che spingono l’ex premier a rifiutarlo: “Primo: le decisioni sull’utilizzo del fondo verranno prese a maggioranza dagli Stati. Il che vuol dire che i soldi versati dall’Italia potranno essere utilizzati altrove anche contro la volonta’ italiana”. 

“Secondo: il Fondo sara’ europeo solo nella forma perche’ il Parlamento europeo non avra’ alcun potere di controllo e la Commissione europea sara’ chiamata a svolgere un ruolo puramente notarile. Purtroppo sono state ignorate le nostre proposte per una indispensabile riforma del Mes che sono state confermate dal voto del Parlamento europeo. E questo non rappresenta certamente un fatto positivo. Per queste ragioni quindi Forza Italia non votera’ in Parlamento per questa riforma del Mes. La riforma in questione non ha nulla a che vedere con l’utilizzo dei 37 miliardi destinati alla lotta contro il Covid”.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Parte la corsa al tampone. Dalle farmacie ai privati, per alcuni è già “tutto esaurito”

Sempre più italiani sotto la soglia di povertà: e il governo resta a guardare