in ,

“Congratulazioni a Giorgia Meloni”. Gli auguri che imbarazzano il nuovo governo: “Non cambierà nulla”

Pubblicato il 28/09/2022 08:36 - Aggiornato il 28/09/2022 08:37

Ricordate quando Giorgia Meloni si presentava agli italiani come l’anti-sistema? Quella che avrebbe sovvertito tutti gli ordini, che sarebbe andata contro l’Europa, che avrebbe messo in discussione l’Euro e la Nato, che avrebbe difeso sempre gli interessi degli italiani… Lo ricordate? Era la Meloni che stava all’opposizione, in tutti questi anni, e che sfruttava questi temi per raccogliere consenso e elettori. Una volta odorata la possibilità di raggiungere il potere, però, si è rimangiata tutto. E una volta vinte le elezioni, si è trasformata in una leader filo-Nato, filo-sanzioni, filo-armi, filo-Europa. Ha dato carezze all’Euro e ai grandi mercati finanziari, ha ribadito le sanzioni alla Russia che stanno ammazzando gli italiani tra caro bollette, inflazione e costi alle stelle. Mancava la sua dichiarazione d’amore a Zelensky. E anche quella è arrivata. Come? (Continua a leggere dopo la foto)

A poche ore dalla vittoria del centrodestra e di Fratelli d’Italia alle urne del 25 settembre, Giorgia Meloni riceve i complimenti – guarda un po’ – del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Congratulazioni a lei e al suo partito per la vittoria. Apprezziamo il sostegno costante dell’Italia all’Ucraina nella lotta contro l’aggressione russa”, ha scritto su Twitter. “Contiamo su una proficua collaborazione con il nuovo governo italiano”. La leader di Fratelli d’Italia non ha tardato a rispondere utilizzando sempre la stessa piattaforma social. (Continua a leggere dopo la foto)

Le parole scelte dalla possibile nuova premier italiana sono di rassicurazione: “Caro Zelensky, sai che puoi contare sul nostro leale sostegno alla causa della libertà del popolo ucraino”, ha scritto su Twitter. Concludendo con un un incoraggiamento: “Sii forte e mantieni salda la tua fede!”. Tradotto? L’Italia della Meloni – quella che giocava a essere antisistema ma che in Parlamento pur stanno all’opposizione ha votato armi e sanzioni in linea col governo – proseguirà con l’agenda Draghi anche su questo fronte, e spenderà quattrini italiani per mandare armi in Ucraina prolungando un conflitto con la Russia che stiamo già pagando a caro prezzo. (Continua a leggere dopo il post)

La leader di Fratelli d’Italia ha ringraziato – sempre via Twitter – anche la premier inglese Liz Truss, il premier polacco Mateusz Morawiecki e quello ceco Petr Fiala. “Molte grazie, Liz Truss pronti a collaborare con lei e con il vostro governo – ha scritto alla premier inglese – per la libertà, la democrazia, la sicurezza e la prosperità delle nostre nazioni”. “Grazie Morawiecki, difenderemo insieme i nostri valori comuni e la sicurezza europea!”, è il messaggio al premier polacco. E infine il tweet al premier ceco, Fiala, che in Europa aderisce ai Conservatori e Riformisti europei, il partito presieduto proprio da Meloni: “Grazie, sarà un onore rafforzare il nostro lavoro comune per un’Europa migliore!”.

Ti potrebbe interessare anche: “Vaccini e dna, Montagnier aveva ragione”. Una ricerca conferma le intuizioni del professore: la scoperta

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Inizia la corsa al dopo-Letta, ecco chi lo sfida alla segreteria del Partito Democratico

“Ecco dove finirà Salvini”: Meloni non lo vuole agli Interni. Per lui un ‘poltrona’ di prestigio: “Incastrato”