x

x

Vai al contenuto

Massimo Mauro, malore improvviso durante una partita di padel: le condizioni del campione

Pubblicato il 20/07/2023 13:36 - Aggiornato il 20/07/2023 14:31

Momenti di grande apprensione per Massimo Mauro, ex calciatore oggi tra i volti più noti dello sport televisivo. L’ex centrocampista della Juventus ha infatti accusato un improvviso malore mentre stava giocando a padel. Subito le sue condizioni sono parse gravi: l’uomo, 61 anni, è stato trasportato d’urgenza in ospedale a Catanzaro, dove è ancora ricoverato. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, sarebbe stato colpito da un infarto. Per fortuna, però, dopo essere stato operato sarebbe fuori pericolo. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Omicidio colposo!” Un malore improvviso non lascia scampo al grande manager: “E scatta la denuncia”

massimo mauro infarto

Massimo Mauro si trovava a Lido di Catanzaro quando si è sentito male durante una partita di padel. Inizialmente si pensava che il malessere fosse dovuto a un’indigestione, poi è emerso un quadro decisamente più grave. Portato immediatamente in ospedale, è stato operato d’urgenza con un’angioplastica. (Continua a leggere dopo la foto)

“Infarto”. Massimo Mauro, malore improvviso: le sue condizioni

L’ex calciatore è ancora in ospedale, ma nelle ore successive ha rilasciato dichiarazioni rassicuranti alla Fondazione Vialli e Mauro per la ricerca e lo sport: “In ospedale sono stati bravissimi e lo sono tuttora. Vengo seguito bene e coccolato”. (Continua dopo le foto)

61 anni compiuti a maggio, Massimo Mauro ha iniziato la sua carriera di calciatore professionista nel 1979, militando in varie squadre (Catanzaro, Udinese, Juventus, Napoli). Nel 1993 è diventato un dirigente sportivo, mentre dal 2005 ha iniziato la carriera di commentatore in tv. Molto legato a Gianluca Vialli, scomparso di recente, ha fondato con lui l’omonima associazione per la ricerca e lo sport.

Ti potrebbe interessare anche: “Elly Schlein leader del P***”. Si parla di Pd e ci scappa la bestemmia: il POST virale (tra mille imbarazzi)