Vai al contenuto

“Perché la pandemia è stata una prova di regime”. Il prof. di Harvard sgancia la bomba: “Tutte le bugie”

Pubblicato il 03/11/2023 13:18 - Aggiornato il 04/11/2023 11:08
Martin Kulldorff pandemia lockdown

Martin Kulldorff è un epidemiologo e biostatistico svedese che lavora come professore nientepopodimeno che all’Università di Harvard. È diventato noto a livello mondiale per le sue parole durissime, fin dal principio, sul modo in cui si stava governando la pandemia di Covid. Parole che gli sono anche costate care, visto che anche adesso è in aspettativa e ha subito diverse censure. L’esperto infatti è stato cacciato dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) a causa della sua posizione sui vaccini e sui lockdown. “Per me è stato stupefacente venire censurato per aver detto delle semplici verità scientifiche, come il fatto che l’immunità acquisita con l’infezione è più forte di quella da vaccinazione”, dice oggi. Il professore è infatti tornato a parlare degli errori commessi dai governi nella gestione del Covid. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Hanno nascosto gli effetti avversi”. L’Europa vuota il sacco: la verità sui contratti con Pfizer scritta nero su bianco
>>> “Una nuova emergenza!” Ecco la “sorpresa” che ci stanno preparando. Riuniti in Italia da tutto il mondo

Intanto i social network Facebook e LinkedIn hanno limitato la visibilità dei suoi post. “Il pubblico dovrebbe avere il diritto di sentire più pareri, in questo caso di scienziati che avevano e hanno visioni diverse sul Covid, altrimenti mancano delle conoscenze necessarie per poter decidere sulla propria salute”, ha sottolineato. Oltre alle parole durissime sui vaccini, Martin Kulldorff ha un parere contrario anche nei confronti del lockdown, imposto da diversi Paesi tra cui l’Italia. “All’inizio del 2020 ho guardato i dati di mortalità della Cina: riguardavano molte persone anziane, poche di mezza età e nessun giovane o bambino. Di qui l’evidente necessità di tenere le scuole aperte, per evitare i danni collaterali causati dalla loro chiusura. Serviva proteggere meglio la popolazione più anziana senza fare lockdown generalizzati, che hanno provocato l’insorgere di tumori, malattie cardiovascolari, diabete e problemi mentali”. Come dargli torto? (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Buffone!”. “Vergognati!”. Capezzone scatenato contro De Magistris: botte da orbi in diretta (VIDEO)

Martin Kulldorff pandemia lockdown

Martin Kulldorff: “Pandemia prova di regime”

Proprio per questo Martin Kulldorff cita la decisione della Svezia: “Dei quasi due milioni di bambini nella fascia 1-15 anni nessuno è morto di Covid, mentre gli insegnanti non sono stati più colpiti di altre categorie. È risultato il Paese con la minore mortalità in eccesso, a riprova che non chiudere era l’approccio giusto. Ora c’è più consapevolezza che i lockdown sono stati un disastro, ma per gli scienziati è ancora psicologicamente difficile ammettere l’errore”. Finita qui? Macché. La bordata finale – ripresa da LaVerità – è clamorosa. Parlando delle bugie intorno ai vaccini e ai loro effetti avversi, che come abbiamo più volte visto sono stati e continuano a essere nascosti e censurati, e dei lokdow, Kulldorff è netto: “La pandemia è stata una prova di regime. La scienza si è genuflessa alla politica”. E infine: “Chi chiederà scusa ai bambini per i danni che sono stati loro arrecati?”.

Ti potrebbe interessare anche: Volano stracci fra Parenzo e il Fatto dopo la VIGNETTA choc: la replica in diretta (VIDEO)